MIETTE NA MANO CCA'


(Califano, Falvo – 1912)


 
Tu che mm'hê fatt'a me,
ca io nun mme fido 'e stà?
Ca n'ora senza 'e te
nun pòzzo arrepusà?
Si tu te cride, oje né',
ca io voglio repassà,
t' 'o ppòzzo fá vedà,
t' 'o ppòzzo fá tuccà.
 
Tu che mi hai fatto,
che non sto più tranquillo?
Che un'ora senza di te
non posso riposare?
Se tu credi, oh piccola,
che io voglia ingannarti,
te lo posso far vedere,
te lo posso far toccare.
 
E miette,
e miette,
e miette na mana ccà
e vide che ce sta,
e siente che te fa.
E miette,
e miette
na mana 'ncopp' 'o core
e vide chist'ammore
che sape cumbinà.
 
E metti,
e metti,
e metti una mano qua
e vedi cosa c'è,
e senti cosa ti fa.
E metti,
e metti,
una mano sul cuore
e guarda questo amore
cosa sa combinare.
 
Io quanno veco a te,
fernesco 'e ragiunà.
Si staje vicino a me
mme sento 'e cunzulà.
Vurria sulo sapé,
vulesse andivinà,
ll'effetto ca fa a me,
si pure a te t' 'o fa.
 
Io quando ti vedo,
finisco di ragionare.
Se stai vicino a me
mi sento consolare.
Vorrei solo sapere,
vorrei capire,
l'effetto che fa a me,
se anche a te lo fa.
 
E miette,
………….
 
E metti,
………..
 
Fa' chello ca dich'i',
nun te fà cchiù pregà.
Cu 'o scuorno, 'o vvuó' capì,
ll'ammore nun se fa.
Sti bbracce 'e vvuó' arapí?
'Sta vocca mm' 'a vuó' dà?
Astrígneme accussì
e nun tremmà.
 
Fa' quello che dico io,
non farti più fregare.
Con la vergogna, lo vuoi capire,
l'amore non si fa.
Queste braccia le vuoi aprire?
Questa bocca me la vuoi dare?
Stringimi così
e non tremare.
 
E miette,
………….
E metti,
………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia