MIO CARISSIMO PASQUALE


(Pisano, Cioffi – 1937)


 
Faccia senza culore,
sei bugiardo e traditore,
pe' chesto mm'hê lassato,
'nfamó'.
 
Faccia senza colore,
sei bugiardo e traditore,
per questo mi hai lasciato,
infame.
 
Doppo ca mm'hê vasato,
doppo ca t'hê arrubbato
'e vase 'e chesta vócca,
'nfamó'.
 
Dopo che mi hai baciata,
dopo che hai rubato
i baci da questa bocca,
infame.
 
Pe' chesto, pe' dispietto,
te manno stu biglietto
ca mme ll'ha scritto, a mano,
Don Saverio 'o sacrestano.
Sientatéllo, sié'.
 
Per questo, per dispetto,
ti mando questo biglietto
che mi ha scritto, a mano,
Don Saverio il sacrestano.
Sentilo, senti.
 
"Mio carissimo Pasquale,
virgola e poi da capo,
t'hann' 'a spará, pe' scagno,
sott'a n'albero 'e cutogne
'o mese 'e giugno
(punto e poi da capo).
T'aggi' 'a vení a purtá
grillande 'e sciure
pecché 'o core è sempe core,
pure muorto te voglio amá.
Pascá',
t'aggio cuntato 'o cunto
Punto".
 
"Mio carissimo Pasquale,
Virgola e poi a capo,
ti devono sparare, per sbaglio,
sotto a un albero di cotogne
nel mese di giugno
(punto e poi a capo).
Ti devo venire a portare
corone di fiori
perchè il cuore è sempre cuore,
anche morto ti vuole amare.
Pasquale,
ti ho raccontato il racconto.
Punto".
 
Na sera, 'mmiez'ô ggrano,
mme purtaste a mano a mano
e llá spuntaje 'a luna,
'nfamó'.
 
Una sera, in mezzo al grano,
mi portasti mano nella mano
e là spuntò la luna,
infame.
 
Mo sponta 'a luna
e 'o sole cu n'ati ddoje figliole.
T' 'e ttruove a doje a doje,
'nfamó'.
 
Ora spunta la luna
e il sole con altre due ragazze.
Le trovi a due a due,
infame.
 
Perciò te tengo 'nganna,
pe' chesto mo te manno
stu scritto indisponente.
Mo t' 'o leggo nu mumento,
sientatéllo, sié'.
 
Perciò ti ho sullo stomaco,
per questo ora ti mando
questo scritto indisponente.
Ora te lo leggo un momento,
sentitelo, senti.
 
"Mio carissimo Pasquale,
…………………………..
 
"Mio carissimo Pasquale,
…………………………..
 
Nu juorno 'e primmavera,
venette allero allero,
e lle dicette: "Siente,
'nfamó',
 
Un giorno di primavera,
arrivò allegro allegro,
e le disse: Senti,
infame,
 
si tu anduvine 'o posto
addó tengo annascosta
na rosa prelibata,
t' 'a dó'".
 
se indovini il posto
dove ho nascosto
una rosa prelibata,
te la do".
 
E tu ll'anduvinaste
e 'a rosa te pigliaste.
Ma adesso avrai per posta
'sta proposta tosta tosta,
sientatélla, sié'.
 
E tu lo indovinasti
e la rosa ti prendesti.
Ma adesso avrai per posta
questa proposta dura dura,
sentitela, senti.
 
"Mio carissimo Pasquale,
…………………………..
 
"Mio carissimo Pasquale,
…………………………..
 
Pascá',
t'aggio cuntato 'o cunto.
Punto.
Punto.
Pasquale,
ti ho raccontato il racconto.
Punto.
Punto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia