MM'AGGI' 'A CURA'


(Pisano, Cioffi – 1940)


 
Mm'aggi' 'a curà, mm'aggi' 'a curà.
'Mmiez'a 'sta capa,
na cosa pesante pesante mme sento.
Mi fermo qua, mi fermo là
e, a squarciagola,
mi metto a contare
da uno a trecento.
 
Mi devo curare, mi devo curare.
Nella testa,
una cosa pesante pesante mi sento.
Mi fermo qua, mi fermo là
e, a squarciagola
mi metto a contare
da uno a trecento.
 
E' pazzo 'o 'ì.
E' pazzo 'o 'ì.

'A gente dice: Fuíte, fuì'.
 
E pazzo vedi.
E' pazzo vedi.

La gente dice: scappa, scappa.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
Il grugno del pazzo
lo tengo per te.
Ho venduto trecento carrozze,
ho venduto trecento palazzi.
'A faccia d' 'o pazzo
l'ho fatta per te.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
Il grugno del pazzo
ce l'ho per te.
Ho venduto trecento carrozze,
ho venduto trecento palazzi.
'A faccia del pazzo
l'ho fatta per te.
 
Comme mme pesa 'sta capa, nèh.
Comme mme pesa 'sta capa, nèh.
Aíza.
Ched'è?
Aíza.
Ched'è?'

A capa mme pesa, gué.
 
Come mi pesa questa testa, neh.
Come mi pesa questa testa, neh.
Alza.
Che c'è?
Alza.
Che c'è.

La testa mi pesa, gué.
 
Mm'aggi' 'a curà, mm'aggi' 'a curà.
Oggi il dottore
mi ha detto: "Mio caro, vuje state 'nguajato.
Guardáte qua, toccáte qua".
E, aret' 'a capa,
na specie 'e na palla
'e tennis ha truvato.
 
Mi devo curare, mi devo curare.
Oggi il dottore
mi ha detto: "Mio caro, voi siete messo male.
Guardate qua, toccate qua".
E, dietro la testa,
una specie di palla
da tennis ha trovato.
 
E' tosta 'a 'ì.
E' tosta 'a 'ì.

Ah, comm'è tosta 'sta palla 'e tennì.
 
E' dura vedi.
E' dura vedi.

Ah, com'è dura la palla da tennis.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
'A capa cu 'a palla
'a tengo pe'tté.
Ho venduto tre quadri e uno schizzo,
quattro penne di struzzo e un arazzo.
'A faccia d' 'o pazzo
l'ho fatta per te.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
La testa con la palla
ce l'ho per te.
Ho venduto tre quadri e uno schizzo,
quattro penne di struzzo e un arazzo.
'A faccia del pazzo
l'ho fatta per te.
 
Comme mme pesa 'sta capa, nèh.
……………………………………….
 
Come mi pesa questa testa, neh.
………………………………………
 
Mm'aggi' 'a curà, Mm'aggi' 'a curà.
Ih, che mm'hê fatto
o donna perversa, bugiarda e spergiura.
Che pòzzo fà? Che pòzzo fà?
Se mi suicido,
vedendomi morto,
mme metto paura.
 
Mi devo curare, mi devo curare,
Ah, cosa mi hai fatto
o donna perversa, bugiarda e spergiura.
Che posso fare? Che posso fare?
Se mi suicido,
vedendomi morto,
mi impaurisco.
 
Mm'aggi' 'a sparà.
"Nun te sparà".

'A gente dice che è meglio a campà.
 
Mi devo sparare.
"Non ti sparare".

La gente dice che è meglio vivere.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
Allora mo campo
ch'è meglio pe'mmé.
Mo mme magno na sarda e na pizza,
na scamorza e na capa 'e merluzzo.
'O pranzo d' 'o pazzo
lo faccio per te.
 
Il viso del folle
l'ho fatto per te.
Allora adesso vivo
che è meglio per me.
Ora mangio una sardina e una pizza,
una scamorza e una testa di merluzzo.
Il pranzo del pazzo
lo faccio per te.
 
Comme mme pesa 'sta capa, nèh.
……………………………………….
 
Come mi pesa questa testa, neh.
………………………………………
 
Ched'è? Ched'è?
'Sta capa, 'sta capa, 'sta capa
mme pesa a me.
Che c'è? Che c'è?
Questa testa, questa testa, questa testa
pesa a me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia