MMIEZ'Ô GGRANO


(Nicolardi, Nardella – 1909)


 
E 'a sera, sott' 'o pásteno1
d' 'e mméle annurche2, passa
stu core sempe gióvane
ca ride e ch'arrepassa.
 
E la sera, sotto il pasteno1
delle mele annurca2, passa
questo cuore sempre giovane
che ride e che inganna.
 
E 'a Luna, pazziánnose
nu ramo e n'atu ramo,
'nterra, cu 'e file d'èvera,
ricama nu ricamo.
 
E la luna, giocando
tra un ramo e un altro ramo,
per terra, con i fili d'erba,
ricama un ricamo.
 
Oje Stella, Sté, ch'aspiette nu signale,
'o ggrano ammaturato è culor d'oro.
E sti capille tuoje só' tale e quale.
E 'o ssaje ca i' mme ne moro,
si 'mmiez'ô ggrano, nun mm' 'e ffaje vasá.
 
Oh, Stella, Stella, che aspetti un segnale,
il grano maturo è color oro.
E questi tuoi capelli sono tali e quali.
E lo sai che io muoio,
se in mezzo al grano, non me li fai baciare.
 
Quanno 'e marite dòrmono,
stracque 'e fatica ancora,
ll'ammore, che sta pésole,
sceglie 'a quartata 'e ll'ora.
 
Quando i mariti dormono,
ancora stanchi per il lavoro,
l'amore, che è in attesa,
sceglie il quarto d'ora.
 
St'arille comme cantano
sott'a 'sta luna chiara.
E comm'addora 'o ccánapa
pe' tuorno a 'sta pagliara.
 
Questi grilli come cantano
sotto questa luna chiara.
E come profuma la canapa
intorno a questo pagliaio.
 
Oje Stella, Sté, ch'aspiette nu signale,
…………………………………………….
 
Oh, Stella, Stella, che aspetti un segnale,
……………………………………………….
 
Ma tu nun duorme. E' inutile,
stu core tujo mme sente
quanno, pe' sott'a ll'albere,
passo annascostamente.
 
Ma tu non dormi. è inutile,
questo tuo cuore mi sente
quando, sotto gli alberi,
passo di nascosto.
 
E ghiésce fore pallida,
bella comm'a nisciuna.
E 'a Luna, zenniánnoce,
cufféa… 'sta 'mpésa 'e Luna.
 
Ed esci fuori pallida,
bella come nessuna.
E la Luna, facendoci l’occhiolino,
ci sbeffeggia… questa Luna birichina.
 
Oje Stella, Sté', ch'aspiette nu signale,
……………………………………………..
Oh, Stella, Stella, che aspetti un segnale,
……………………………………………….


1 Era chiamato pasteno un terreno da lavorare con il pastinum, una sorta di bidente. 2 La sua raffigurazione nei dipinti rinvenuti negli scavi di Ercolano ed in particolare nella Casa dei Cervi, testimonia l'antichissimo legame dell'Annurca con la Campania felix. La mela avrebbe origine dall'agro puteolano, come trasmesso dal "Naturalis Historia" di Plinio il Vecchio (Como 23 d.C. - Stabia 79 d.C.). Per la sua provenienza da Pozzuoli, definiti gli Inferi, Plinio il Vecchio la chiama "Mela Orcula" in quanto prodotta intorno all'Orco (appunto gli inferi).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia