MUNASTERIO 'E SANTA CHIARA


(Galdieris, Barberis – 1945)


 
Dimane? Ma vurría partí stasera.
Luntano, no, nun ce resisto cchiù.
Dice che c'è rimasto sulo 'o mare,
che è 'o stesso 'e primma, chillu mare blu.
 
Domani? Ma vorrei partire stasera.
Lontano, no, non resisto più.
Dicono che c'è rimasto solo il mare,
che è lo stesso di prima, quel mare blu.
 
Munasterio 'e Santa Chiara,
tengo 'o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm'era,
penzo a Napule comm'è?
 
Monastero di Santa Chiara
ho il cuore scuro scuro.
Ma perché, ogni sera
penso a Napoli com'era,
penso a Napoli com'è?
 
Funtanella 'e Capemonte,
chistu core mme se schianta,
quanno sento 'e dí da 'a gente
ca s'è fatto malamente
stu paese, ma pecché?
No, nun è overo.
No, nun ce créro.
E moro cu 'sta smania 'e turnà a Napule.
Ma ch'aggi' 'a fà?
Mme fa paura 'e ce turnà.
 
Fontanella di Capodimonte,
questo cuore si schianta,
quando sento dire dalla gente
che è diventato malvagio
questo paese, ma perché?
No, non è vero
no, non ci credo
E muoio per la voglia di tornare a Napoli
Ma cosa ci posso fare?
Mi fa paura ritornarci.
 
Paura? Sí, si fosse tutto overo?
Si 'a gente avesse ditto 'a verità?
Tutt' 'a ricchezza 'e Napule era 'o core.
Dice ch'ha perzo pure chillu llà.
 
Paura? Sì, se fosse tutto vero?
Se la gente avesse detto la verità?
Tutta la ricchezza di Napoli era il cuore.
Dicono che ha perduto anche quello.
 
Munasterio 'e Santa Chiara.
'Nchiuse dint'a quatto mura,
quanta femmene sincere,
si perdévano ll'ammore,
se spusavano a Gesù.
 
Monastero di Santa Chiara.
Chiuse dentro quattro mura,
quante donne sincere,
rinunciavano all'amore,
si sposavano Gesù.
 
Funtanella 'e Capemonte,
mo, si pèrdono n'amante,
giá ne tènono ati ciento.
Ca, na femmena 'nnucente,
dice 'a gente, nun c'è cchiù.
No, nun è overo.
No, nun ce crero.
E moro pe' 'sta smania 'e turnà a Napule.
Ma ch'aggi' 'a fà.
Mme fa paura 'e ce turnà.
 
Fontanella di Capodimonte
ora, se perdono un'amante,
già ne hanno altri cento.
Perché, una donna innocente,
dice la gente, non c'è più.
No, non è vero.
No, non ci credo
E muoio per la voglia di tornare a Napoli.
Ma cosa ci posso fare?
Mi fa paura ritornarci.
 
Munasterio 'e Santa Chiara,
tengo 'o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm'era,
penzo a Napule comm'è?
Monastero di Santa Chiara
Ho il cuore scuro scuro.
Ma perché, perché ogni sera,
penso a Napoli com'era,
penso a Napoli com'è?


La canzone è scritta nell’immediato dopoguerra e il protagonista parla della voglia di ritornare a Napoli, ma non sa che cosa è rimasto di quello che c’era un tempo, dopo i bombardamenti. Oltre alla paura di trovare solo distruzione (rappresentata dalle rovine del Monastero di Santa Chiara), si affianca quella di trovare cambiata anche la Napoli dei costumi e delle tradizioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia