N'ACCORDO IN "FA"


(Pisano, Valente – 1927)


 
Tenevo na paciona 'e 'nnammurata,
affezionata, semplice e gentile.
Doppo tre anne, 'a capa ll'è avutata,
e ll'è venuto 'o sfizio 'e mme lassà.
Stò' contro a tutt' 'e ffemmene
pe' chesta 'nfamità.
E na vendetta nera voglio fà.
 
Avevo una persona tranquilla come fidanzata,
affezionata, semplice e gentile.
Dopo tre anni, la testa gli è girata,
e le è venuta la voglia di lasciarmi.
Sono arrabbiato con tutte le donne
per questa infamia.
E una vendetta nera voglio fare.
 
Mm'ho comprato nu mandulino
e mme metto for' 'o balcone.
Quanno passa na signurina
io lle faccio n'accordo in "Fa".
Po' lle canto chistu sturnello
ch'è capace d' 'a 'ntussecà.

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
Ho comprato un mandolino
e mi metto fuori al balcone.
Quando passa una signorina
io le faccio un accordo in "Fa".
Poi le canto questo stornello,
che potrebbe farla arrabbiare

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
Fiore di primavera.
La donna tiene i peli sopra il cuore,
e io nun mm' 'a pigliasse pe' mugliera
nemmeno se me l'ordina il dottore.
Parola mia,
parola mia d'onore.
 
Fiore di primavera.
La donna ha i peli sul cuore,
e io non me la prenderei come moglie
nemmeno se me lo ordina il dottore.
Parola mia,
parola mia d'onore.
 
Diceva: "Tu si' tutt' 'o core mio
e si mme lasse tengo il vetriuolo".
Po' mme guardava 'mmocca pe' gulío,
a n'atu mese avévam' 'a spusà.
Nèh chella 'o juorno quínnece
mme dice chesto a me,
'o sídece nun se fà cchiù vedé.
 
Diceva: "Tu sei tutto il mio cuore
e se mi lasci ho il vetriolo".
Poi mi guardava in bocca per gioco,
tra un altro mese dovevamo sposarci.
Neh, quella il giorno quindici
dice questo a me,
il sedici non si fa più vedere.
 
E pe' chesto, cu 'o mandulino,
io mme metto for' 'o balcone.
Quanno passano 'e ssignurine
lle cumbino n'accordo in "Fa".
Po' lle canto chistu sturnello
ch'è capace d' 'e 'ntussecà.

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
E per questo, col mandolino
io mi metto fuori al balcone.
Quando passano le signorine
io faccio loro un accordo in "Fa".
Poi canto loro questo stornello,
che potrebbe farle arrabbiare.

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
Fiore di primavera.
La donna dice: "Una capanna e un cuore",
ma quanno vede 'e ccarte 'e mille lire,
se mette pure cu nu scupatore.
Parola mia,
parola mia d'onore.
 
Fiore di primavera.
La donna dice: "Una capanna e un cuore",
ma quando vede le mille lire.
si mette con uno spazzino.
Parola mia,
parola mia d'onore.
 
Succede, che mm'accatto nu giurnale
e trovo scritto: "Rosa Imperatore
oggi si sposa con il tal dei tali".
E' chillo 'o juorno ca mm'aggi' 'a spassà.
Faccio na cosa semplice
ca ll'ha da fà svení.
Dice: "Ma che lle faje?". Mo v' 'o ddich'i'.
 
Succede, che compro un giornale
e trovo scritto: "Rosa Imperatore
oggi si sposa con il tal dei tali".
E' quello il giorno che mi devo divertire.
Faccio una cosa semplice
che la deve far svenire.
Dice: "Ma che le fai?". Ora ve lo dico io.
 
Mme ne jèsco cu 'o mandulino
e mme metto sott' 'o purtone.
Quanno arrivano gli sposini,
io lle faccio n'accordo in "Fa".
Po' lle canto chistu sturnello
ch'è capace d' 'e ffà schiattà.

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
Esco con il mandolino
e mi metto sotto al portone.
Quando arrivano gli sposini
io faccio loro un accordo in "Fa".
Poi canto loro questo stornello,
che potrebbe farli arrabbiare

Fli-ppó, fli-ppó.
Fli-ppó, fli-ppó.
 
Fiore di primavera.
Chist'è nu matrimonio per amore,
ma tu, mio caro sposo, sta' sicuro
che a San Martino vaje a fá 'o priore.
Parola mia,
parola mia d'onore.
Fiore di primavera.
Questo è un matrimonio per amore,
ma tu, mio caro sposo, stai certo
che a San Martino vai a fare il priore.
Parola mia,
parola mia d'onore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia