N’AUCELLUZZO


(Sacco, Gagliardi)


 
N’aucelluzzo ‘nfame,
‘mpietto mm’ha muzzecato…
stu core s’è arrubbato
e nun mm”o vò’ cchiù dá.
 
Un uccellino infame,
nel petto mi ha morso…
Questo cuore ha rubato
e non me lo vuole più dare
 
Aucelluzzo mio,
nun mme fá stu dispietto;
i’, senza core ‘mpietto,
comme faccio a campá?
 
Uccellino mio,
non mi fare questo dispetto;
Io, senza cuore nel petto,
Come faccio a vivere?
 
Ll’avevo dato a essa,
ma po’ mme ll’ha turnato…
sceppato, scamazzato,
redutto na pietá!
 
L’avevo dato a lei,
ma poi me l’ha ridato…
graffiato, ammaccato,
ridotto una pietà.
 
Si ‘o vuó’, ne faccio a meno…
t’ ‘o dóngo, bene o male;
ma tiénelo carnale,
nun mm’ ‘o fá maje suffrí.
 
Se lo vuoi, ne faccio a meno
te lo do, bene o male;
ma tienilo con amore,
non farmelo mai soffrire.
 
Nun fá comm’ha fatt’éssa
quanno nce ll’aggio dato,
ca ‘mpietto ll’ha purtato
sulo p”o fá murí.
 
Non fare come ha fotto lei
quando glie l’ho dato,
che nel petto l’ha portato,
solo per farlo morire.
 
Si ‘o vuó’, ne faccio a meno…
t’ ‘o dóngo, bene o male;
ma tiénelo carnale,
nun mm’ ‘o fá maje suffrí.
 
Se lo vuoi, ne faccio a meno
te lo do, bene o male;
ma tienilo con amore,
non farmelo mai soffrire.
 
Nun fá comm’ha fatt’éssa
quanno nce ll’aggio dato,
ca ‘mpietto ll’ha purtato
sulo p”o fá murí.
 
Non fare come ha fotto lei
quando glie l’ho dato,
che nel petto l’ha portato,
solo per farlo morire.
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia