NA BRUNA


(Langella, Barrucci, Visco, Bruni – 1971)


 
Venètte da tanto luntano
nu furastiero, nu furastiero.
Restaje 'ncantato d' 'o mare,
d' 'o sole e 'a luna,
nu furastiero.

Se 'ncantaje 'e duje uocchie curvine
'e na bruna, 'e vint'anne d'età.
 
Venne da tanto lontano
un forestiero, un forestiero.
Restò incantato dal mare,
dal sole e dalla luna,
un forestiero.

Rimase incantato da due occhi neri
di una bruna, di vent'anni d'età.
 
Chella vò' bene a n'ato
e pe' chillo more,
pe' chillo more.
Pe' nu bellu guaglione,
'e piscatore,
'e piscatore.

Furastiero, 'e denare che só'?
Quanno 'o core fa chello che vò'.
 
Quella vuol bene a un altro
e per lui muore,
per lui muore.
Per un bel ragazzo,
pescatore,
pescatore.

Forestiero, i soldi cosa sono?
Quando il cuore fa quello che vuole.
 
Chella s'è fatta 'a croce cu ll'acqua 'e mare,
cu ll'acqua 'e mare,
e po' ha giurato: "Io nun te lasso maje,
nun te lasso maje".
 
Quella si è fatta la croce con l'acqua di mare,
con l'acqua di mare,
e poi ha giurato: "Io non ti lascerò mai,
non ti lascerò mai".
 
P' 'o mare na festa 'e lampáre.
Nu piscatore,
nu piscatore,
s'astregne 'int' 'e bbracce na bruna
cu 'o velo 'e sposa,
cu 'o velo 'e sposa.
 
Sul mare una festa di lampare.
Un pescatore,
un pescatore,
stringe tra le braccia una bruna
col velo da sposa,
col velo da sposa.
 
Dice 'a gente: "Cu bona furtuna
pe' cient'anne,
pe' sempe accussí".
 
Dice la gente: "Con buona fortuna,
per cent'anni,
per sempre così".
 
Chella vò' bene a n'ato
………………………….
Quella vuol bene a un altro
……………………………….

Un commento su “Na bruna

  1. LA CANZONE ‘E STUPENTA TI INCANTA ANCHE SE NON VUOI , E NESSUNO LA SA CANTARE COME SERGIO BRUNI.
    CON UNA MELODIA CHE SUPERA TUTTE LE CANZONI ITALIANE ” MAGNIFICA. “

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia