NA 'MMASCIATA


(Del Preite, Labriola – 1865)


 
T'aggi' 'a fà na 'mmasciata Filumè',
vien' 'a ccà, vien' 'a ccà.
'Mpietto nun mme la pòzzo cchiù tené,
comme va, comme va?
Pecché rossa te faje? Ména mo,
vuó' sentì, vuó' sentí?
Ca mámmeta strillare nun te pò,
nun fuì, nun fuì.
 
Ti devo confidare un segreto, Filomena,
vieni qua, vieni qua.
In petto non me lo posso più tenere,
come va, come va?
Perchè diventi rossa? Filomena ora,
vuoi sentire, vuoi sentire?
tua mamma non ti può sgridare,
non scappare, non scappare.
 
Nu poco la manélla vuó' pusà
'mpiett'a me, 'mpiett'a me?
Stu core comme zompa 'a ccà e 'a llà,
vuó' vedé, vuó' vedé?
Mme ne stó' ghiènno 'nfuoco, lássem'ì,
nun sciuscià, nun sciuscià.
Abbruciato pe'tté voglio murì,
nun stutà, nun stutà.
 
Un attimo vuoi posare la tua mano
sul mio petto, sul mio petto?
Questo cuore salta di qua e di là,
vuoi vedere, vuoi vedere?
Mi sto infuocando, lasciamo andare,
non soffiare, non soffiare.
Bruciato per te voglio morire,
non spegnere, non spegnere.
 
Io stó' 'mpazzenno, nun ne pòzzo cchiù,
sient'a me, sient'a me.
Stu core sta facenno tuppe-ttu,
Filumè', Filumè'.
Lu vide, da lu pietto vò' scappà,
tu lo vuó', tu lo vuó'?
Cchiù, senz' 'e te, nun pòzzo arrepusà,
nun dì no, nun dì no.
Io sto impazzendo, non ne posso più,
ascoltami, ascoltami.
Questo cuore sta facendo tuppe-ttu,
Filomena, Filomena.
Lo vedi, dal petto vuole scappare,
lo vuoi, lo vuoi?
Senza di te non posso più riposare,
non dire no, non dire no.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia