NA TAZZULELLA 'E CAFE'


(Mattone, P. Daniele – 1977)


 
Na tazzulella 'e cafè
e maje niente ce fanno sapé.
Nuje ce puzzammo 'e famme,
'o ssanno tuttuquante
e, invece 'e ce ajutà,
ce abbóffano 'e cafè.
 
Una tazzina di caffè
e mai niente ci fanno sapere.
Noi moriamo di fame,
lo sanno tutti
e, invece di aiutarci,
ci riempiono di caffè.
 
Na tazzulella 'e cafè,
cu 'a sigaretta 'a coppa pe' nun vedé
che stanno chine 'e sbaglie,
fanno sulo 'mbruoglie,
s'allisciano, se váttono,
se pigliano 'o ccafè.
 
Una tazzina di caffè,
seguita da una sigaretta per non vedere
che sono pieni di sbagli,
fanno solo imbrogli,
si pettinano, si picchiano,
si prendono il caffè.
 
E nuje passammo 'e guaje,
nuje nun putimmo suppurtà.
E chiste, invece 'e dà na mano,
s'allisciano, se váttono,
se mágnano 'a città.
 
E noi passiamo i guai,
non possiamo sopportare.
E questi, invece di dare una mano,
si pettinano, si picchiano,
si mangiano la città.
 
E nuje passammo 'e guaje,
nuje nun putimmo suppurtà.
E chiste invece 'e dà na mano,
s'allisciano, se váttono,
se mágnano 'a città.
 
E noi passiamo i guai,
non possiamo sopportare.
E questi, invece di dare una mano,
si pettinano, si picchiano,
si mangiano la città.
 
Na tazzulella 'e cafè,
acconcia 'a vocca a chi nun vò' sapé.
E nuje tirammo 'nnanze,
cu 'e dulure 'e panza
e invece 'e ce ajutà,
ce abbóffano 'e cafè.
 
Una tazzina di caffè,
aggiusta la bocca a chi non vuol sapere.
E noi tiriamo avanti,
con i dolori di pancia
e invece di aiutarci
ci riempiono di caffè.
 
Na tazzulella 'e cafè
cu 'a sigaretta 'a coppa pe' nun vedé.
S'aízano 'e palazze,
fanno cose 'e pazze,
ce girano, ce avòtano,
ce jéngono 'e tasse.
 
Una tazzina di caffè,
seguita da una sigaretta per non vedere.
Si costruiscono palazzi,
fanno cose da pazzi,
ci girano, ci rivoltano,
ci riempiono di tasse.
 
E nuje passammo 'e guaje,
nun putimmo suppurtà.
E chiste, invece 'e dà na mano,
s'allisciano, se váttono,
se mágnano 'a città.

E nuje passammo 'e guaje,
nun putimmo suppurtà.
E chiste, invece 'e dà na mano,
se allisciano, se váttono,
se mágnano 'a città.
E noi passiamo i guai,
non possiamo sopportare.
E questi, invece di dare una mano,
si pettinano, si picchiano,
si mangiano la città.

E noi passiamo i guai,
non possiamo sopportare.
E questi, invece di dare una mano,
si pettinano, si picchiano,
si mangiano la città.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia