NA VOCE, NA CHITARRA E 'O PPOCO 'E LUNA


(Rossi, Calise – 1955)


 
Na voce, na chitarra e 'o ppoco 'e Luna.
E che vuó' cchiù pe' fà na serenata?

Pe' suspirà, d'ammore, chianu chiano,
parole doce, pe' na 'nnammurata.
 
Una voce, una chitarra e un po' di Luna.
E cosa vuoi di più per fare una serenata?

Per sospirare, d'amore, piano piano,
parole dolci, per una fidanzata.
 
"Te voglio bene, tantu tantu bene,
luntano 'a te nun pòzzo cchiù campà".

Na voce, na chitarra e 'o ppoco 'e luna.
E comm'è doce chesta serenata.
 
"Ti voglio tanto bene, tanto tanto bene,
lontano da te non posso più vivere".

Una voce, una chitarra e un po' di luna.
E com'è dolce questa serenata.
 
'A vocca toja s'accosta cchiù vicina
e tu t'astrigne a me cchiù appassiunata.

Cu na chitarra e nu felillo 'e voce,
cu te vicino, canto e só' felice.
 
La tua bocca si fa più vicina
e tu ti stringi a me più appassionata.

Con una chitarra, un filino di voce,
con te vicino, canto e sono felice.
 
"Ammore,
nun pòzzo cchiù scurdarme 'e te".
"Amore,
non posso più dimenticarmi di te".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia