NA VOTA SOLA


(Galdieri, Nardella – 1912)


 
E cóntatélle oje core, e cóntatélle.
E vide quante só' fin'â trentina.
Quatto só' bionde, tre só' brunettelle
e nun ce manca 'a rossa malupina.
 
E contatele oh cuore, e contatele.
E vedi quante sono fino a una trentina.
Quattro sono bionde, tre sono brunette
e non ci manca la rossa malpelo.
 
E nun ce manca na guagliona 'e scola
comme ce sta na femmena 'gnurante.
Ma si bene se vò' na vota sola,
tu comme n'hê vuluto bene a tante?
 
E non ci manca una ragazza istruita,
così come c'è una donna ignorante.
Ma si vuol bene una volta sola,
tu come hai fatto a voler bene a tante?
 
Na vota sola,
po' è capriccio 'e giuventù.
Ogne mese na figliola,
ma nun se vò' bene cchiù.
Maje cchiù.
 
Una volta sola,
poi è capriccio di gioventù.
Ogni mese una ragazza,
ma non si vuol bene più.
Mai più.
 
E cóntatélle oje core e statte zitto.
Chi aggiu vuluto bene overamente
i' nun ll'aggiu cuntata p' 'o dderitto
ca nun 'a voglio manco tené a mente.
 
E contatele oh cuore e stati zitto.
Chi ho voluto bene davvero
non l'ho contata per il diritto
che non la voglio nemmeno avere in mente.
 
E si s'è mmaretata o si è figliola,
nun 'o vvoglio sapé, senza che cante
ca si bene se vò' na vota sola,
io 'a voglio bene ancora, 'mmiez'a tante.
 
E se si è sposata o se è signorina,
non lo voglio sapere, anche se non canti
che si vuol bene una volta sola,
io le voglio bene ancora, tra tante.
 
Na vota sola,
po' è capriccio 'e giuventù.
Ogne mese na figliola,
ma nun se vò' bene cchiù.
Maje cchiù.
Una volta sola,
poi è capriccio di gioventù.
Ogni mese una ragazza,
ma non si vuol bene più.
Mai più.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia