NANASSA


(Martucci, Mazzocco – 1957)


 
Gué, Nanassa1.
Gué, Nanassa.
Comme vurría pruvà
'sta vócca rossa.
 
Guè, Nanassa1.
Guè, Nanassa.
Come vorrei provare
questa bocca rossa.
 
Si' bella e affascinante,
cianciosa e ardente.
E tiene scritto 'nfronte
"Modernità".
Cchiù bella 'e te, pe' tutta Cinecittà,
na "maggiorata fisica" nun ce sta.
Si' squisita,
sapurita,
tiene pise e qualità.
 
Sei bella e affascinate,
vezzosa e ardente.
E hai scritto in fronte
"Modernità".
Più bella di te, per tutta Cinecittà,
una "maggiorata fisica" non esiste.
Sei squisita,
saporita,
hai peso e qualità.
 
Gué, Nanassa.
Quanno cammine se fa 'a folla appriesso.
Gué, Nanassa.
Se fermano carrozze e filobbusse.
Mentr'io ca só' geluso 'e ll'aria stessa,
che freve aggi' 'a 'ncuccià
quando, in giro per la città,
tutt' 'a gente te guarda e fa:
"Gué, Nanà',
si' cchiù doce 'e nu babbà".
"Gué, Nanà,
si' cchiù doce 'e nu babbá".
 
Guè, Nanassa.
Quando cammini si fa la folla dietro di te.
Gué, Nanassa.
Si fermano carrozze e filobus.
Mentre io che sono geloso della stessa aria,
che rabbia devo incontrare
quando, in gire per la città,
tutta la gente ti guarda e fa:
"Gué, Nanà',
sei più dolce di un babà".
"Gué, Nanà',
sei più dolce di un babà".
 
T'hê fatto 'a gonna lilla
cu 'a blusa gialla
e 'a borza a panariello,
che nuvità.
Ma nu cunziglio, oje bella, te voglio dà.
Sti scullature atomiche nun purtà,
che 'a censura,
si ll'appura,
nun te fa cchiù cammenà.
 
Ti sei comprata una gonna lilla
con la camicetta gialla
e la borsa a paniere,
che novità.
Ma un consiglio, oh bella, ti voglio dare.
Queste scollature atomiche non portarle,
che la censura,
se lo scopre,
non ti fa più camminare.
 
Gué, Nanassa.
……………….
Guè, Nanassa.
……………….


1 Letteralmente “ananas”. In questo caso la parola è utilizzata come soprannome per una donna.

Un commento su “Nanassa

  1. Menomale che ci siete. Perché non integrate con gli accordi musicali. Grazie Sal

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia