NAPULE CANTA


(E. Murolo, Tagliaferri – 1915)


 
Pusilleco se stènne,
quase stracquato 'ncopp' 'o mare d'oro
comm'a nu ninno ca se vò' addurmì.
Dint' 'o silenzio, lenta, 'a notte scenne,
passa na varca e canta 'o marenaro.
Scétate ammore, comme puó' durmì?
 
Posillipo si stende,
quasi stanco sul mare d'oro
come un bambino che si vuole addormentare.
Nel silenzio, lenta, la notte scende,
passa una barca e canta il marinaio.
Svegliati amore, come puoi dormire?
 
Chitarre e manduline,
stanotte 'o core mio ve vò' sentì.
Chella ca mme vò' bene,
dint'a sti ssere, comme pò durmì,
si tutta quanta Napule,
'nterra Pusílleco, vène a cantà?
 
Chitarre e mandolini,
stanotte il mio cuore vi vuole sentire.
Quella che mi vuole bene,
in queste sere, come può dormire,
se tutta quanta Napoli,
giù a Posillipo, viene a cantare?
 
Lùceno 'e lume a mare.
Ll'èvera 'e mare addora e, cu st'addore,
se jénche ll'aria e cchiù addurosa 'a fa.
Sbáttono 'nfacci'a 'e scoglie ll'onne chiare,
suspírano 'e ciardine: "E' primmavera".
Ll'ammore passa, ride e se ne va.
 
Brillano i lumi in mare.
L'erba di mare profuma e, di questo odore,
si riempie l'aria e diventa più profumata.
Sbattono in faccia agli scogli le onde chiare,
sospirano i giardini: "E' primavera".
L'amore passa, ride e se ne va.
 
Chitarre e manduline,
………………………..
 
Chitarre e mandolini,
……………………….
 
Napule bella mia,
terra d'ammore, lacreme e canzone,
che suonno d'oro ca nce faje sunnà.
'Ncòre nce miette na malincunia,
na freva tu nce miette dint' 'e vvéne
pecché nce vuó' fà chiagnere e cantà.
 
Napoli bella mia,
terra d'amore, lacrime e canzoni,
che sogno doro che ci fai sognare.
Nel cuore ci metti una malinconia,
una smania ci metti nelle vene
perchè ci vuoi far piangere e cantare.
 
Chitarre e manduline,
………………………..
Chitarre e mandolini,
……………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia