NAPULE E' CHINO 'E FEMMENE


(Baratta, Lama – 1927)


 
Si' bella e cara,
ma si' pazzòteca.
E viene a spènnere,
dich'i', just'addu me?
Nu mese 'ammore,
tre mise 'appícceche.
Io, nevrastenico,
só' peggio 'e te.
 
Sei bella e cara,
ma sei pazza.
E vieni a spendere,
dico io, proprio da me?
Un mese d'amore,
tre mesi di litigi.
Io, nevrastenico,
sono peggio di te.
 
Oje né',
si te vuó' sciogliere,
'a strada è libera,
puó' cammenà.
Napule è chino 'e femmene
cchiù calme 'e te,
cchiù doce 'e te,
cchiù scicche 'e te.
 
Oh bimba,
se ti vuoi liberare,
la strada è libera,
puoi camminare.
Napoli è pieno di donne
più calme di te,
più dolci di te,
più eleganti di te.
 
Si tu mme lasse,
t'aviss' 'a credere ca i',
p' 'a collera, nun magno
e bevo cchiù?
Comme te sbaglie.
Pòzzo refónnere
nu grammo 'e lacreme
e t' 'o vvide tu.
 
Se tu mi lasci,
davvero pensi che io,
per la rabbia, non mangi
e beva più?
Come ti sbagli.
Posso rimetterci
un grammo di lagrime
e sono problemi tuoi.
 
Oje né',
si te vuó' sciogliere,
'a strada è libera,
puó' cammenà.
Napule è chino 'e femmene
tutte pe' me,
ca vònno a me,
pazze pe'mmé.
 
Oh bimba,
se ti vuoi liberare,
la strada è libera,
puoi camminare.
Napoli è pieno di donne
tutte per me,
che vogliono me,
pazze di me.
 
Mme basta sulo,
p'avé na femmena
na vranca 'e spíngule,
na cena e nu cafè.
E po' stó' a posto.
Cu 'a luna pallida,
p' 'o ssulitario,
chi è meglio 'e me?
 
Mi basta solo,
per avere una donna,
una manciata di spille,
una cena e un caffè.
E poi sono a posto.
Con la luna pallida,
per il solitario,
chi è meglio di me?
 
Oje né',
mme voglio sciogliere.
I' voglio ll'aria
pe' respirà.
Napule è chino 'e femmene
cchiù fresche 'e te,
cchiù belle 'e te,
cchiù bone 'e te.
Oh bimba,
mi voglio liberare.
Io voglio l'aria
per respirare.
Napoli è pieno di donne
più fresche di te,
più belle di te,
più buone di te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia