NAPULE E MARIA


(Bovio, Lama – 1921)


 
Só' duje nomme e una canzone,
duje suspire e una catena,
só' doje gioje ca só' na pena,
só' duje mutive pe' mme fà cantà.

E' catena ca mme tene
sempe attaccato, ma che fa?
 
Sono due nomi e una canzone,
due sospiri e una catena,
sono due gioie che sono una pena,
sono due motivi per farmi cantare.

E' una catena che mi tiene
sempre attaccato, ma come fa?
 
E' tutta d'oro,
d'oro e celeste è Napule.
Se canta e more?
Ma i' voglio murì ccà.
Pe' Napule e Maria
trèmmano 'e ccorde d ''a chitarra mia,
Marì'.
 
E' tutta d'oro,
d'oro e celeste è Napoli.
Si canta e muore?
Ma io voglio morire qua.
Per Napoli e Maria
tremano le corde della chitarra mia,
Maria.
 
E ca tu mme spiezze 'e ccorde
d' 'a chitarra che t'avanta?
Chistu core cchiù te canta,
cchiù te suspira, quanno 'o vvuó' sapé.

Ma i' che voglio? Tutto e niente.
Napule mia, voglio a te.
 
E anche se tu mi spezzi le corde
della chitarra cosa ne guadagni?
Questo cuore di più ti canta,
più ti sospira, quando lo vuoi sapere.

Ma io che voglio? Tutto e niente.
Napoli mia, voglio te.
 
E' tutta d'oro,
……………….
 
E' tutta d'oro,
……………….
 
E Maria, n'ata Maria
dispettosa, ma sincera,
ca mo chiagne e mo sta allèra,
si gire 'o munno, nun 'a puó' truvà.
'Nnammurate comm' 'a mia,
una surtanto ce ne sta.
 
E Maria, un'altra Maria
dispettosa, ma sincera,
che ora piange ed ora è allegra,
se giri il mondo, non la puoi trovare.
Innamorata come la mia,
ce n'è una soltanto.
 
E' tutta d'oro,
……………….
E' tutta d'oro,
……………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia