NAPULE SI' NA CANZONE


(R. De Novellis, Cafazo)


 
Napule è na canzone punto e basta.
'Sta gente ha da cantà matina e sera,
nu vermeciello a vongole lle basta,
cinquanta mane dint'a na zuppiera.
 
Napoli è una canzone punto e basta.
Questa gente deve cantare da mattina a sera,
dei vermicelli con le vongole le bastano,
cinquanta mani in una zuppiera.
 
Chest'è 'a visione 'e Napule
pe' tutt' 'e furastiere,
vònno vederce ridere.
Vi' che bellu mestiere.
 
Questa è l'immagine di Napoli
per tutti i forestieri,
vogliono vederci ridere.
Guarda che bel mestiere.
 
E invece è na tragedia
ca recitammo sempe,
mentre sentimmo 'a smania
d'arrevutà sti tiempe.
 
E invece è una tragedia
che recitiamo sempre,
mentre sentiamo la voglia
di rivoluzionare questi tempi.
 
Ma 'sta città mme pare sempe 'a stessa
che canta pe' cantà, ma sta chiagnenno.
Napule, chesta si', si' na canzone
cantata cu dulore, alleramente.
 
Ma questa città sembra sempre la stessa
che canta per cantare, ma sta piangendo.
Napoli, questa sei, sei una canzone
cantata con dolore, allegramente.
 
Chest'è 'a visione 'e Napule
……………………………….
 
Questa è l'immagine di Napoli
………………………………….
 
Napule, Napule, Napule, Na',
si' na canzone.
Napoli, Napoli, Napoli, Na',
sei una canzone.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia