NAPULE, SOLE MIO


(Nino Oliviero – Domenico Furnò – 1951)


 
Napule,
nun c’é balcone senza sciure e rrose,
nun c’é figliola senza ‘o pizzo a rrisa,
nun ce sta core ca nun dice: Trase!
E arape ‘e braccia pure a chi è scurtese.
Chisto è ‘o paese mio, chisto é ‘o paese!
 
Napoli,
non c’è balcone senza fiori e rose,
non c’è ragazza senza sorriso,
non c’è cuore che non dica: Entra!
E apre le braccia anche a chi è scortese.
Questo è il mio paese, questo è il paese.
 
Napule, sole mio,
tu luce dint’ ‘a ll’uocchie ‘e tutt’ ‘o munno!
Cosa nun vista maje,
na primmavera sì, pure si é autunno!
Napule, sole mio,
tu lieve ll’odio e miette ‘a passione
sulo cu nu mutivo ‘e na canzone.
 
Napoli, sole mio,
tu splendi negli occhi di tutto il mondo!
Una cosa vista mai,
una primvera sei, anche se è autunno!
Napoli, sole mio,
tu toglio l’odio e metti la passione
solo con il motivo di una canzone.
 
Napule,
tu può dà pace a chi nun tene pace,
e daje ‘a na vocca nu felillo ‘e voce.
Si è ‘ntussecuso ‘ammore, è pe’ nu poco.
Quanno è celeste ‘o cielo ca t’ ‘o ddice:
Io voglio â casa mia gente felice.
Napoli,
tu puoi dare pace a chi non ha pace, Sè l’amore è sgradevole, lo è per poco,
Quando è celeste il cielo che te lo dice:
Io voglio in casa mia gente felice.
 
Napule, sole mio,
………………
 
Napoli, sole mio,
………………….
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia