NAPULE E SURRIENTO


(E. Murolo, Tagliaferri – 1926)


 
Surriento. 'A luna chiara
e ciento varche cu na stella a prora.
Che pace, e che friscura.
For'a 'sta loggia, a mare, 'int'a sti ssere,
tengo vint'anne ancora,
bella, vicino a te.
 
Sorrento. La luna chiara
e cento barche con una stella a prua.
Che pace, che frescura.
Su questo balcone, al mare, in queste sere,
ho ancora vent'anni,
bella, vicino a te.
 
Dorme Surriento
'mmiez'a 'addore d' 'e ciardine.
Che sentimento sti cchitarre e manduline.
Rimpetto, Napule, sí e no, se tocca.
Vocca cu vocca,
te voglio, Marí'.
 
Dorme Sorrento
tra i profumi dei giardini.
Che sentimento queste chitarre e mandolini.
Di fronte, Napoli, si e no, tocca.
Bocca e bocca,
ti voglio, Maria.
 
Te voglio. E senza voce,
mme sbatte 'o core e pare ca te dice:
"E' 'o mare. E' st'aria doce.
E' 'ammore, è 'ammore ca mme fa felice.
Giuro cu 'e bbracce a croce
ca nun te lasso cchiù".
 
Ti voglio. E senza voce,
mi sbatte il cuore e sembra che ti dici:
"E' il mare. E' quest'aria dolce.
E' l'amore, è l'amore che mi fa felice.
Giuro con le braccia a croce
che non ti lascio più.
 
Dorme Surriento
…………………..
 
Dorme Sorrento
………………….
 
Oje luna, oje bella luna
ch'a Napule tramunte chianu chiano,
fermate a Margellina
e di' a chi penza a me ca stó' luntano:
"Ll'ammore è na catena
ca nun se pò spezzà".
 
Oh luna, oh bella luna
che a Napoli tramonti piano piano,
fermati a Mergellina
e di' a chi mi pensa che sono lontano:
"L'amore è una catena
che non si può spezzare".
 
Dorme Surriento
…………………..
Dorme Sorrento
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia