NAPULITANA


(Bovio, Falvo – 1906)


 
Vocca 'e Napulitana, quanno vase,
'e vase ca saje dà sóngo 'nfucuse.
Vaso ca percia 'o core e ca nce trase.
Nce só' cadute ll'uommene scuntruse,
vocca 'e Napulitana, pe' sti vase.
 
Bocca di Napoletana, quando baci,
i baci che sai dare sono infuocati.
Bacio che ti squarcia il cuore e ci entra.
Ne sono caduti di uomini scontroso,
bocca Napoletana, per questi baci.
 
Napulitana mia, Napulitana,
è nu destino.
Te maledico si te stó' vicino,
si staje luntana,
penzanno â vocca che t'addora 'e rose,
io desse tutt' 'a vita pe' nu vaso.
 
Napoletana mia, Napoletana,
è un destino.
Ti maledico se ti sto vicino,
se sei lontana,
pensando a questa bocca che profuma di rose,
io darei tutta la vita per un bacio.
 
Uocchie 'e Napulitana, appecundruse,
na sciamma dint' 'o core mm'îte miso.
Vuje site nire, fute, misteriuse,
e date 'o 'nfierno e date 'o paraviso,
uocchie 'e Napulitana, appecundruse.
 
Occhi di Napoletana, malinconici,
una fiamma nel cuore mi avete messo.
Voi siete neri, profondi, misteriosi,
e date l'inferno e date il paradiso,
occhi di Napoletana, malinconici.
 
Napulitana mia, Napulitana,
è nu destino.
Te maledico si te stó' vicino,
si staje luntana,
pe' na guardata 'e st'uocchie misteriuse,
sarría cuntento pure 'e murí acciso.
 
Napoletana mia, Napoletana,
è un destino.
Ti maledico se ti sto vicino,
se sei lontana,
per uno sguardo di questi occhi neri,
sarei contento anche di essere ucciso.
 
Trezze 'e Napulitana, trezze appése,
dint'a sti ttrezze 'o core mm'îte 'nchiuso.
E nun fa niente, stella 'e stu paese,
tiéneme strinto, nce aggio fatto ll'uso,
dint'a sti ttrezze nere nere, appése.
 
Trecce di Napoletana, trecce appese,
in queste trecce il cuore mi avete chiuso.
E non fa niente, stella di questo paese,
tienimi stretto, ci ho fatto l'abitudine,
in queste trecce nere nere, appese.
 
Napulitana mia, Napulitana,
è nu destino.
Te maledico si te stó' vicino,
si staje luntana,
p'avé nu cierro 'e sti capille 'e raso,
io nce turnasse a père a stu paese.
Napoletana mia, Napoletana,
è un destino.
Ti maledico se ti sto vicino,
se sei lontana,
per avere una ciocca di questi capelli di raso,
io ci tornerei a piedi in questo paese.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia