NAPULITANATA


(Di Giacomo, Costa – 1884)


 
Uocchie de suonno, nire, appassiunate,
ca de lu mmèle la ducezza avite,
pecché, cu sti gguardate ca facite
vuje nu vrasiero 'mpietto mm'appicciate?
 
Occhi da sogno, neri, appassionati,
che del miele avete la dolcezza,
perchè, con questi sguardi che fate,
voi un braciere in petto mi accendete?
 
Ve manca la parola e mme parlate,
pare ca senza lacreme chiagnite,
de 'sta faccella janca anema site,
uocchie belle, uocchie doce, uocchie affatate.
 
Vi manca le parola e mi parlate,
sembra che senza lacrime piangiate,
l'anima di questo faccino bianco siete,
occhi belli, occhi dolci, occhi fatati.
 
Vuje ca 'nziem'a li sciure v'arapite
e 'nzieme cu li sciure ve 'nzerrate,
sciure de passione mme parite.
 
Voi che insieme ai fiori vi aprite
e insieme ai fiori vi chiudete,
fiori di passione mi sembrare.
 
Vuje, sentimento de li 'nnammurate,
mm'avite fatto male e lu ssapite.
Uocchie de suonno, nire, appassiunate.
Voi, sentimento degli innamorati,
mi avete fatto male e lo sapete.
Occhi da sogno, neri, appassionati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia