NATALE


(Parilli, Nardella – 1940)


 
Natale! 'Int'a na grotta piccerella
mo sta scennenno 'a cielo n'angiulillo.
Ce sta, 'int' 'a grotta, 'a stessa madunnella
ca steva llá quann'io ero piccerillo.
Quant'anne fa? Te ne ricuorde tu,
tu ca passave 'a vita toja cu'mmé?
Ammore mio, nun t'aggio vista cchiù
e nun aggio saputo maje 'o ppecché.
 
Natale! In una grotta piccolina
ora sta nascendo dal cielo un angioletto.
C'è, nella grotta, la stessa madonnina
che stava lì quand'ero piccolino.
Quanti anni fa? Te ne ricordi tu,
tu che passavi la tua vita con me?
Amore mio, non ti ho vista più
e non saputo mai il perchè.
 
Pazziávamo a nucelle1
dint' 'a casa e 'mmiez'â via,
ma po', ê vvote, sti mmanelle
mm' 'e ttiravo â parta mia.
Te 'mmuccavo, ogne tantillo,
nu vasillo mariunciéllo.
Nu vasillo piccerillo,
zittu zitto, 'mmocc'a te.
 
Giocavamo a nocciole1
in casa e in mezzo alla strada,
ma poi, a volte, queste manine
le tiravo dalla mia parte.
Ti rubavo, ogni tanto,
un bacino ladruncolo.
Un bacino piccolini,
in silenzio, sulla bocca.
 
E luntana,
na campana
comm'a chesta, tale e quale,
scampaniava pe' Natale.
Pe' Natale, comm'a mo.
 
E lontana,
una campana
come questa, tale e quale,
scampanava per Natale.
Per Natale, come adesso.
 
Allora, allora, che ghiurnate belle,
nisciuno 'e nuje faceva niente 'e male.
I' mm'arrubbavo tutt' 'e pasturielle
pe' fà, cu te, 'o presebbio pe' Natale.
Che t'aggi' 'a dì? Da che aggio perzo a te,
'sta festa nun mm' 'a fido 'e sentì cchiù.
Mo sonano 'e ccampane, ma pecché?
Si a chistu core nun ce tuorne tu?
 
Allora, allora, che giornate belle,
nessuno di noi faceva niente di male.
Io rubavo tutti i pastori
per fare, con te, il presepe per Natale.
Che ti devo dire? Da quando ti ho perso,
questa festa non riesco più a sentirla.
Ora suonano le campane, ma perchè?
Se da questo cuore tu non ci torni?
 
Te ricuorde? Chelli ssere
se jucava 'a tumbulella.
Che resate, che piacere
a guardà 'sta vocca bella.
Ogne tanto te tuzzavo
cu 'e ddenócchie, chianu chiano.
Po', cu ll'uocchie, te menavo
ciento vase, tutt'a te.
 
Ti ricordi? Quelle sere
si giocava a tombola.
Che risate, che piacere
guardare questa bocca bella
ogni tanto ti toccavo
con le ginocchia, piano piano.
Poi con gli occhi ti mandavo
cento baci, tutti a te.
 
E luntana,
na campana
comm'a chesta, tale e quale,
scampaniava pe' Natale.
Pe' Natale, comm'a mo.
E lontana,
una campana
come questa, tale e quale,
scampanava per Natale.
Per Natale, come adesso.


1Fino agli anni '60, era tradizione, per la maggior parte dei ragazzini dei vari quartieri e rioni, giocare con le nocciole durante il periodo delle festività natalizie. Questo gioco aveva molte varianti, ma, in ognuna di esse lo scopo era quello di vincere le nocciole degli altri partecipanti colpendole o tirandole in una buca. In sostanza, le nocciole venivano usate come se fossero delle biglie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia