'NCOPP'ALL'ONNA


(Bovio, Fassone – 1918)


 
Cchiù verde d' 'e ffrónne
stasera só' ll'onne,
só' ll'onne d' 'o mare.
Mme 'ncanto e mme pare
ch' 'a varca se sperde
pe' 'mmiez'a stu vverde.
E i' voco e, vucanno, mme scordo.
Mme scordo d' 'o munno, Marì.
 
Più verdi delle foglie
sono stasera le onde,
sono le onde del mare.
Mi incanto e mi sembra
che la barca si sperda
in mezzo a questo verde.
E io remo e, remando, mi dimentico.
Mi dimentico del mondo, Maria.
 
Nonna, nonna,
'ncopp'a ll'onna,
comm'è bello 'int' 'a varca a durmì.
Doce è 'o suonno
ca mme sonno.
Ah, putesse,
sunnanno, murì.
 
Ninna nanna,
sull'onda,
come è bello dormire nella barca.
Dolce è il sogno
che mi sogno.
Ah, potessi,
sognando, morire.
 
Sunate, campane
vicine e luntane
ca 'o mare risponne.
Rispónnono ll'onne
ch' 'a sanno 'sta voce
ca è triste, ma è doce.
P' 'a terra e p' 'o mare è na pace.
Chest'ora, mme fa 'ntennerì.
 
Suonate, campane
vicine e lontane
che il mare risponde.
Rispondono le onde
che la conoscono questa voce
che è triste, ma è dolce.
Per terre e per mare è una pace.
Quest'ora, mi fa intenerire.
 
Nonna, nonna,
………………..
 
Ninna nanna,
………………
 
Marì', tutt' 'e ggioje
d' 'a vita só' 'e ttoje,
ma 'o mare è d' 'o mio.
Ccà regno sul'io,
pecché, 'o marenaro
è 'o rre 'mmiez'ô mare.
Cu st'èvera bella ch'addora,
mme faccio 'a curona, Marì'.
 
Maria, tutte le gioie
della vita sono tue,
ma il mare è mio.
qua regno solo io
perchè, il marinaio
è il re in mezzo al mare.
Con questa erba bella che profuma,
mi faccio la corona, Maria.
 
Nonna, nonna,
………………..
Ninna nanna,
………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia