NINI' TIRABUSCIO'


(Califano, Gambardella – 1911)


 
Chillu turzo 'e mio marito
nun se pò cchiù suppurtà.
Ll'aggi' 'a cósere 'o vestito.
Mm'aggi' 'a mettere a cantà.
 
Quello stupido di mio marito
non si può più sopportare.
Gli devo giocare un bello scherzo.
mi devo mettere a cantare.
 
Tutto è pronto. Stó' aspettanno
na scrittura p' 'a firmà.
Nun appena che mm' 'a danno,
vaco fore a debuttà.
 
Tutto è pronto. Sto aspettando
una contratto per firmarlo.
Non appena me lo danno
vado fuori a debuttare.
 
Ho scelto un nome eccentrico:
"Ninì Tirabusciò".
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.
 
Ho scelto un nome eccentrico:
"Niní Tirabusciò".
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.
 
Ne cunosco tante e tante
ca nun só' cchiù meglio 'e me
e cu 'e llire e cu 'e brillante
só' turnate da 'e tturné.
 
Ne conosco così tante
che non sono migliori di me
e con soldi e con brillanti
sono tornate dalle tournée.
 
'A furtuna, s'è capito,
'ncopp' 'e ttavule se fa.
Ca fatiche e ghiétt' 'acito,
che risorse puó' sperà?
 
La fortuna si è capito,
sui tavoli si fa.
Con il lavoro di gettare l'aceto,
in quali risorse puoi sperare?
 
Aìz' 'a vesta, smuóvete.
E' ll'epoca ch' 'o vvò'.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh,
perderai Tirabusciò.
 
Alza la veste, muoviti.
E' l'epoca che lo chiede.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.
 
Pe' cantà nun serve 'a voce,
è 'o partito ca nce vò'.
Po' 'e ccanzone miette 'ncroce
ca faje "bisse" quante vuó'.
 
Per cantare non serve la voce,
è la raccomandazione che ci vuole.
Poi rovini le canzoni
che fai quanti bis vuoi.
 
Dai il tuo cuore 'ncopp' 'a piazza
ai più ricchi abitué.
Vide po' si 'un fanno 'a mazza
ll'ate artiste 'nnanze a te.
 
Dai il tuo cuore sulla piazza
ai più ricchi abituè.
Poi vedi se non fanno brutta figura
le altre artiste rispetto a te.
 
E' chesta 'a vera tattica
'e na sciantosa1 'e mo.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedró.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.
E' questa la vera tattica
di una sciantosa1 di adesso.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.


1 Il termine "sciantosa" nasce tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900, come italianizzazione della parola francese "chanteuse" (cantante). Inizialmente, infatti, le sciantose eseguivano nei locali brani tratti da opere liriche o operette. Ogni cantante si creava una propria storia e un proprio personaggio, inventando aneddoti sulla propria carriera di diva del teatro e parlando con accento francese pur non essendolo, in modo da dare al pubblico l'impressione di avere davanti una vera diva straniera.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia