NINUCCIA


(G. De Curtis, Valente – 1894)


 
Se dice che a Tuledo nc'è na rosa
ca, cchiù d' 'o sole, li bellizze tene.
E' sempe fresca, è sempe cchiù addirosa.
Tanto ch'è bella, chi v' 'o ppò cuntà?
 
Si dice che a Toledo c'è una rosa
che, più del sole, ha le bellezze.
E' sempre fresca, è sempre profumata.
Tanto che è bella, chi ve lo può raccontare?
 
Io nun voglio gran cosa,
io nun cerco nu regno,
ma vurrìa chella rosa
sulamente addurà.
 
Io non non voglio grandi cose,
io non cerco un regno,
ma vorrei quella rosa
solamente annusare.
 
Io nun voglio gran cosa,
……………………………
 
Io non non voglio grandi cose,
……………………………………
 
Io, si tenesse 'a voce e 'o ppoco 'e sciorte,
mme faciarrìa sentì cu 'sta canzone.
Ninuccia mia, pe' te ne piglio 'a morte,
stu core nun se vò' capacità.
 
Io, se avessi la voce e un po' di fortuna,
mi farei sentire con questa canzone.
Ninuccia mia, per te mi viene la morte,
questo cuore non si vuole rassegnare.
 
Io nun voglio gran cosa,
……………………………
 
Io non non voglio grandi cose,
……………………………………
 
Io passo pe' Tuledo tutt' 'e ssere,
'a guardo e nun mme stanco d' 'a guardà.
'A penzo e nun mme lassa stu penziero
e, doppo muorto, chi s' 'a vò' scurdà?
 
Io passo per Toledo tutte le sere,
la guardo e non mi stanco di guardarla.
La penso e non mi lascia questo pensiero
e, dopo la morte, chi la vuole dimenticare?
 
Io nun voglio gran cosa,
……………………………
Io non non voglio grandi cose,
……………………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia