NU BARCONE


(E. Murolo, Valente – 1920)


 
Nu barcone 'e campagnuole
cu ll'amènta e 'o ppetrusino.
Na cammisa 'e tela 'e lino
spasa ô sole.
Senza máneche, scullata,
cu 'e ffettucce e cu 'o merletto,
cu na cifra rossa, 'mpietto,
ricamata.
 
Un balcone di campagnole
con la menta piperita e il prezzemolo
Una camicia di lino
stesa al sole.
Senza maniche, scollata,
con le fettucce e con il merletto,
con una cifra rossa, sul petto,
ricamata.
 
Va' te pesca, 'int'a 'sta casa,
'sta cammisa chi ll'ha spasa.
 
Vai a capire, in questa casa,
questa camicia chi l'ha stesa.
 
Passa 'o figlio d' 'o duttore,
cu 'o sicario e cu 'o bambù:
"Chi addimmanna nun fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Passa il figlio del dottore,
col sigaro e col bastone di bambù:
"Chi domanda non fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Ttràcchete ttràcchete, favurite,
tengo a fìgliema bona malata.
Site miédeco e ll'ît' 'a sanà.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete ttrà.
 
Ttràcchete ttràcchete, entrate,
ho mia figlia tanto malata.
Siete medico e dovete guarirla.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete ttrà.
 
Nu barcone 'e campagnuole
cu ll'amenta e 'o ppetrusino.
'Sta cammisa 'e tela 'e lino
spasa ô sole.
 
Un balcone di campagnole
con la menta piperita e il prezzemolo
Questa camicia di lino
stesa al sole.
 
'E mmugliere stanno lése:
"Chi sarrà 'sta furastèra?"
Nu "ciù – ciù", matina e sera,
p' 'o paese.
 
Le mogli sono stanche:
"chi sarà questa forestiera?"
Un vociare, mattina e sera,
per il paese.
 
Va' te pesca, 'int'a 'sta casa,
'sta cammisa chi ll'ha spasa.
 
Vai a capire, in questa casa,
questa camicia chi l'ha stesa.
 
Ma 'o nutaro è cacciatore
passa e spassa, nun pò cchiù.
"Chi addimmanna nun fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Ma il notaio è cacciatore,
passa e ripassa, non ne può più:
"Chi domanda non fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Ttrácchete ttrácchete, 'o zi' nutaro.
Figliema Rosa vò' fà na scrittura.
Nu casino nce avimm' 'a accattà.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete ttrà.
 
Ttrácchete ttrácchete, lo zio notaio.
Mia figlia Rosa vuol fare un contratto.
Una casetta ci dobbiamo comprare.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete ttrà.
 
E na chiorma 'e campagnuole
lassa 'a tràfeca d' 'o vino
p' 'a cammisa 'e tela 'e lino
spasa ô sole.
 
E una folla di campagnoli
lascia il travaso del vino
per la camicia di lino
stesa al sole.
 
Chi alleccuto tene mente,
chi sta muscio, chi sta allero,
ma ogneduno fa 'o penziero
malamente.
 
Chi stupido guarda,
chi è triste, chi è allegro,
ma ognuno fa il pensiero
cattivo.
 
Va' te pesca, 'int'a 'sta casa,
'sta cammisa chi ll'ha spasa.
 
Vai a capire, in questa casa,
questa camicia chi l'ha stesa.
 
Po' s'aunìsceno 'o calore,
ll'astinenza e 'a giuventù.
"Chi addimmanna nun fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Poi si uniscono il caldo,
l'astinenza e la gioventù.
"Chi domanda non fa errore",
ttuppe ttuppe ttuppe ttu.
 
Ttràcchete ttràcchete, tropp'onore,
ma Rusina se sposa 'o nutaro
e 'o duttore 'o cumpare lle fa.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete trà.
Ttràcchete ttràcchete, troppo onore,
ma Rosina si sposa il notaio
e 'o dottore da testimone le fa.
Ttràcchete ttràcchete ttràcchete trà.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia