NU QUARTO 'E LUNA


(Titomanlio, Oliviero – 1951)


 
Cielo, e che nuvole stasera.
Pare ch' 'o munno se ne more,
ma na speranza pe' stu core
nun pò murì.
Nun ce vò' na luna chiena
pe' capì si mme vuó' bene,
mm'è abbastato 'o ppoco 'e luna
pe' te capì.
 
Cielo, e che nuvole stasera.
Sembra che il mondo muoia,
ma una speranza per questo cuore
non può morire.
Non serve una luna piena
per capire se mi vuoi bene,
mi è bastato un po' di luna
per capirti.
 
Che mm'ha saputo fà stu quarto 'e luna,
che mm'ha saputo fà chi voglio bene.
E mme martella sempe nu penziero:
"Nun è overo ca pienze sulo a me".
Comme só' triste 'e nnote 'e 'sta canzone
e comm'è amaro 'o bbene 'e chi vò' bene.
Nun mme guardà,
si chiagno nun guardà.

Che mm'ha saputo fà stu quarto 'e luna.
 
Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna,
cos'è riuscito a farmi chi mi vuole vene.
E mi martella sempre questo pensiero:
"Non è vero che pensi solo a me".
Come sono tristi le note di questa canzone
e com'è amaro il bene di chi vuol bene.
Non mi guardare,
se piango non mi guardare.

Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna.
 
Chiagno pecché tu mm'hê 'ngannato
e no pecché t'aggio perduto.
Chiagno ca tu mm'hê abbandunato
senza pecché.
Quanta vote, anema mia,
faccio 'a strada ca tu faje,
corro appriesso a 'sta buscia
pe' te vedé.
 
Piango perchè tu mi hai ingannato
e non perchè ti ho perso.
Piango perchè tu mi hai abbandonato
senza motivo.
Quante volte, anima mia,
faccio la strada che fai tu,
corro dietro a questa bugia
per vederti.
 
Che mm'ha saputo fà stu quarto 'e luna,
……………………………………………….
Cos'è riuscito a farmi questo quarto di luna,
…………………………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia