NUN CHIAGNERE


(Savignano, Rascel – 1961)


 
'O tiempo fuje,
sbatte na ciglia,
già se n'è ghiuto.
Perciò,
 
Il tempo fugge,
sbatti una ciglia,
già se ne è andato.
Perciò,
 
nun chiagnere
'ncopp' 'e vase perdute,
'ncopp' 'o tiempo ca va.
Nun chiagnere
pecché parte nu treno
e nce avimm' 'a lassà.
Nun chiagnere
si stu turmiento vène
penzanno a chist'ammore
ca pare nu mumento,
nu mumento d'està.
Nun chiagnere;
nu juorno, stu turmiento,
sarrà comm'a st'ammore.
Pur'isso nu mumento,
nu mumento d'està.
non piangere
sui baci perduti,
sul tempo che va.
Non piangere
perchè parte un treno
e ci dobbiamo lasciare.
Non piangere
se questo tormento arriva pensando a questo amore
che sembra un momento,
un momento d'estate.
Non piangere;
un giorno, questo tormento,
sarà come questo amore.
Anch'esso un momento,
un momento d'estate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia