NUN CHIAGNERE CARME'


(Cassese, Falvo – 1909)


 
Pe' tutt' 'e strate stanno 'e manifeste.
Aggi' 'a partì, Carmè, sóngo surdato,
a fà 'o duvere, 'a Patria, mm'ha chiammato.
Albanno juorno,
'e vintitré,
t'aggi' 'a lassà.
 
Per tutte le strade ci sono i manifesti.
Devo partire, Carmela, sono un soldato,
a compiere il dovere, la Patria, mi ha chiamato.
Quando fa giorno,
il ventitré,
ti devo lasciare.
 
Nun chiagnere, Carmè',
vòglieme bene
comm'i' bene voglio a te.
Lassa ca servo 'o rre,
ca quanno torno,
penzo sulo
a servì a te.
 
Non piangere, Carmela,
vorrei che tu mi voglia bene
come io voglio bene a te.
Lascia che serva il re,
che quando torno,
penso solo
a servire te.
 
Nun chiagnere, Carmè',
vòglieme bene
comm'i' bene voglio a te.
Io parto, si',
ma 'o core, oje né',
pure 'a luntano,
pure 'a luntano,
sbattarrà pe'tté.
 
Non piangere, Carmela,
vorrei che tu mi voglia bene
come io voglio bene a te.
Io parto, sì,
ma il cuore, oh piccola,
anche da lontano,
anche da lontano,
batterà per te.
 
Io mme ne parto e chistu core mio,
t'arraccumanno a te, vòglielo bene.
Poveru core, niente a 'o munno tene.
Carmela mia,
sbatte pe'tté,
sulo pe'tté.
 
Io parto e questo cuore mio,
te lo raccomando, vogligli bene.
Povero cuore, non ha niente al mondo.
Carmela mia,
batte per te,
solo per te.
 
Nun chiagnere, Carmè',
…………………………..
 
Non piangere, Carmela, …………………………..
 
Sònnate a me dint' 'e nnuttate 'e luna,
comm'i', luntano 'a te, tutt' 'e nnuttate,
mme sunnarraggio 'e vase ca mm'hê dato.
'E vase doce,
ca saje dà
sultanto tu.
 
Sognami nelle notti di luna,
come me che, lontano da te, tutte le notti
sognerò i baci che mi hai dato.
I baci dolci,
che sai dare
soltanto tu.
 
Nun chiagnere, Carmè',
…………………………..
Non piangere, Carmela,
…………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia