NUN E' CARMELA MIA


(Fiore, Valente – 1926)


 
Si mme vulite bene,
nun mme parlate 'e chella.
Tutta truccata e bella
nun 'a cunosco cchiù.
 
Se mi volete bene,
non parlatemi di quella.
Tutta truccata e bella
non la riconosco più.
 
Nun è Carmela mia
chella ca mo è turnata.
No, nun è chella, è n'ata.
Nn' 'a voglio cchiù vedé.
 
Non è la mia Carmela
quella che ora è tornata.
No, non è quella, è un'altra.
Non la voglio più vedere.
 
Poveru core mio,
chella è turnata pe' te fà dannà.
Dille pe' ssempe addio,
s'è avvicinata pe' s'alluntanà.
 
Povero cuore mio,
quella è tornata per farti dannare.
Dille per sempre addio,
si è avvicinata per allontanarsi.
 
Mo s'ha cagnato 'o nomme,
nun tene 'a stessa voce.
Mo tene 'a vocca doce,
te mette 'ncroce,
te fa murì.
 
Ora ha cambiato nome,
non ha la stessa voce.
Ora ha la bocca dolce,
ti fa soffrire,
ti fa morire.
 
Carmela nun teneva
oro, perle e brillante,
cappielle 'e lusso, guante,
ll'uocchie pittate blu.
 
Carmela era una santa,
tanto una brava ragazza.
Partì per Marsiglia
per non tornare mai più.
 
Carmela era na santa,
tanto na bona figlia.
Partette pe' Marsiglia
pe' nun turnà maje cchiù.
 
Carmela era una santa,
tanto una brava ragazza.
Partì per Marsiglia
per non tornare mai più.
 
Poveru core mio,
…………………..
 
Povero cuore mio,
…………………….
 
Oje mà', tu ca mm'aspiette
prijanno tutt' 'e ssere,
'nnanz'â Madonna,
'e ccére nun ll'appicciá pe'mmé.
 
Oh madre, tu che mi aspetti
pregando tutte le sere,
davanti alla Madonna,
i ceri non accenderli per me.
 
Prega pe' te surtanto.
Stu core senza vita,
campa cu na ferita,
ca nun se pò sanà.
 
Prega per te soltanto.
Questo cuore senza vita,
vive con una ferita.
che non si può guarire.
 
Poveru core mio,
…………………..
Povero cuore mio,
…………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia