NUN E' PECCATO


(Rossi, Calise – 1960)


 
La la la la la,
la la la la la.
La la la la la, la la.
 
La la la la la,
la la la la la.
La la la la la, la la.
 
Si mme suonne 'int' 'e suonne che faje,
nun è peccato.
E si, 'nzuonno, nu vaso mme daje,
nun è peccato.
 
Se mi sogni nei sogni che fai,
non è peccato.
E se in sogno, un bacio mi dai,
non è peccato.
 
Tu mme guarde cu ll'uocchie 'e passione,
io te parlo e mme tremmano 'e mmane.
E si chesto pe' te nun è bene,
mme saje dicere 'o bbene ched è?
 
Tu mi guardi con occhi di passione,
io ti parlo e mi tremano le mani.
E se questo per te non è bene,
mi sai dire per te il bene cos'è?
 
Si 'sta vocca desidera 'e vase,
nun è peccato.
Ma vestímmolo 'e vita stu suonno
che 'a freve ce dà.
E tu abbràcciame,
cchiù forte astrìgneme,
pecché 'ammore ca siente pe' me,
peccato nun è.
 
Se questa bocca desidera i baci,
non è peccato.
Ma vestiamolo di vita questo sogno
che l'ansia ci dà.
E tu abbracciami,
più forte stringimi,
perchè l'amore che senti per me,
peccato non è.
 
La la la la la,
…………….
La la la la la,
…………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia