NUN SIA MAJE


(Letico, De Curtis – 1934)


 
'A primma rundinella ogge è turnata,
'e pprimme rose stanno pe' schiuppà.
Tu pure, 'a quacche ghiuorno, pare n'ata.
Te si' cagnata o staje pe' te cagnà?
 
La prima rondinella oggi è tornata,
le prime rose stanno per sbocciare.
Anche tu, da qualche giorno, sembri un'altra.
Sei cambiata o stai per cambiare?
 
Ma nun mm' 'o ddì
si mm'hê 'a lassà.
Io stó' malato assaje
e, nun sia maje,
mme faje murì dannato.
Dannato e senza 'e te,
e senza 'e te.
 
Ma non me lo dire
se mi devi lasciare.
Io sono molto malato
e, non sia mai,
mi fai morire dannato.
Dannato e senza di te,
e senza di te.
 
'Nzerra nu poco 'e scure 'e stu barcone
ca 'o sole nun 'o voglio fà trasì.
Ll'aucielle già se metteno 'ncanzone.
E comme, comme, io sulo aggi' 'a murì?
 
Chiudi un po' le persiane di questo balcone
che il sole non lo voglio far entrare.
Gli uccelli già si mettono a cantare.
E come, come, io solo devo morire?
 
Ma nun mm' 'o ddì
…………………….
Ma non me lo dire
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia