NUN SO' GELUSO


(A. Gill – 1917)


 
'A che stó' facenno 'ammore
cu 'sta 'mpésa 'e Cuncettina,
maje nun passa na matina
che nun c'îmm' 'a appiccecà.
 
Da quando sono fidanzato
con questa disgraziata di Concettina,
non passa mai una mattina
che non litighiamo.
 
Cuncettina è sartulélla,
va cu 'a moda e 'a fantasia
e pirció ca, 'mmiez'â via,
maje cujèta 'a fanno stà.
 
Concettina è una sarta,
va con la moda e la fantasia
e perciò, per la strada,
mai in pace la fanno stare.
 
E io nce soffro pecché 'a voglio bene assaje
e pe' chesto stó' passanno tanta guaje.
 
E io ci soffro perchè le voglio molto bene
e per questo sto passando tanti guai.
 
No, nun è ca i' só' geluso 'e Cuncettina,
pecché saccio comme e quanto mme vò' bene.
Ma pe' stu bene, ca va e ca vène,
io, cierti ccose, nun mm' 'e ffido 'e suppurtà.
 
No, non è che son geloso di Concettina,
perchè so come e quanto mi vuol bene.
Ma per questo bene, che va e che viene,
io, certe cose, non riesco a sopportarle.
 
Per esempio, ajére ô juorno,
mme nce sóngo appiccecato
pe' nu pèttene 'ndurato
ca s'aveva miso ccà.
 
Per esempio, ieri,
abbiamo litigato
per un pettine dorato
che si era messa qua.
 
Po' purtava nu scarpino
piccerillo piccerillo.
Chillu pède, ch'è tantillo,
se fermavano a guardà.
 
Poi aveva una scarpetta
piccolina piccolina.
Quel piede, che è piccolo così,
si fermavano a guardare.
 
Nun appena mme vedette s'allummaje
e i' dicette: "Manco â casa te ne vaje".
 
Non appena mi vide si accorse
e io dissi: "Neanche a casa te ne vai".
 
No, nun è ca i' só' geluso 'e Cuncettina,
……………………………………………….
 
No, non è che son geloso di Concettina,
……………………………………………….
 
E nce simmo appiccecate
n'ata vota stammatina,
pe' na vesta 'e seta fina
ca, pe' forza, vò' purtà.
 
E abbiamo litigato
un'altra volta stamattina,
per una veste di seta trasparente
che, per forza, vuol portare.
 
Ll'ha 'ntuppata1 nu signore,
doppo po' nu surdatiello
e nu bellu munaciello
ll'aggio 'ntiso 'e suspirà.
 
L'ha sfiorata1 un signore,
dopo un po' un soldato
e un bel monaco
ho sentito sospirare.
 
E aggio visto tutta quanta 'a funzione,
mm'arraggiavo ma dicevo: "Hanno ragione".
 
E ho visto tutta quanta la funzione,
mi arrabbiavo ma dicevo: "Hanno ragione".
 
No, nun è ca i' só' geluso 'e Cuncettina,
………………………………………………
No, non è che son geloso di Concettina,
……………………………………………….


1 La traduzione letterale non è proprio “sfiorata”, ma in questo caso “ntuppata” vuol dire che qualcuno ha inciampato (o fatto finta di inciampare) sfiorandola mentre camminava.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia