NUN T'AGGI' 'A PERDERE


(Tortora, Cozzolino)


 
Dimme comm'aggi'a fà pe' nun te perdere,
damme nu core tu pe' te pregà.
Nun 'o vvide ca i' moro d'ammore?
Si mme lasse nun pozzo campà.
 
Dimmi come devo fare per non perderti,
dammi un cuore per pregarti.
Non lo vedi che muoio d'amore?
Se mi lasci non posso vivere.
 
Tu si' na freva ca nisciuno pò sanà,
tu si' 'o ffuoco ca nisciuno pò stutà,
ma pecché mme faje dannà?
 
Tu sei una febbre che nessuno può guarire,
sei il fuoco che nessuno può spegnere,
ma perchè mi fai dannare?
 
Sì, dille pure ca tu suoffre comm'a me,
forse ll'unica ragione è chesta ccà.
Ce sta n'ato, 'o ssaccio già.
 
Sì, dille pure che soffri come me,
forse l'unica ragione è questa qua.
C'è un altro, lo so già.
 
Comm'hê tenuta 'a forza 'e mme fà chiagnere,
tròvalo mo 'o curaggio 'e mme salvà.
Chesta vocca è sultanto d' 'a mia
o 'e nisciuno, dimane, sarrà.
 
Coma hai avuto la forza di farmi piangere,
trova ora il coraggio di salvarmi.
Questa bocca è solo mia
o, domani, sarà di nessuno.
 
Tu si' na freva ca nisciuno pò sanà,
………………………………………..
 
Tu sei una febbre che nessuno può guarire,
……………………………………………………
 
Mo ca stu suonno lentamente se ne va,
nun si' stata maje cchiù bella 'e comm'a mo
e si' fredda comm'a che.
Ma qui, questo giorno lentamente se ne va,
non sei stata mai più bella di adesso
e sei fredda come non so che.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia