NUTTATA 'E SENTIMENTO


(Cassese, Capolongo – 1908)


 
Che notte, che notte!
Che luna, che mare!
Stasera mme pare,
scetàto, 'e sunnà.
Cu st'aria serena
ca scippa da 'o core
suspire d'ammore,
durmì nun se pò.
 
Che notte, che notte!
Che luna, che mare!
Stasera mi sembra,
sveglio, di sognare.
Con quest'aria serena
che ruba da cuore
sospiri d'more,
dormire non si può.
 
Chiara è 'a luna,
doce è 'o viento,
calmo è 'o mare,
oje Carulì'.

'Sta nuttata 'e sentimento,
nun è fatta pe' durmì.
 
Chiara è la luna,
dolce è il vento,
calmo è il mare,
oh Carolina.

'Questa nottata di sentimento,
non è fatta per dormire.
 
Luntano, luntano,
p' 'o mare turchino,
vulesse, a te 'nzino,
nu suonno sunnà.
Nu suonno 'e ducezza,
nu suonno 'ncantato,
cu tico abbracciato,
sunnanno, murì.
 
Lontano, lontano,
sul mare azzurro,
vorrei averti sul petto,
un sogno sognare.
Un sogno di dolcezza,
un sonno incantato,
con te abbracciato,
sognando, morire.
 
Chiara è 'a luna,
…………………
 
Chiara è la luna,
…………………
 
Cchiù bella, cchiù doce,
'sta notte sarrìa
si tu, vita mia,
venisse a vucà.
Na storia d'ammore
te conto, si viene,
si caro mme tiene,
rispunne ca ssì.
 
Più bella, più dolce,
questa notte sarà
se tu, vita mia,
venissi a remare.
Una storia d'amore
ti racconto, se vieni,
se ti sono caro
rispondi di sì.
 
Chiara è 'a luna,
…………………
 
Chiara è la luna,
…………………
 
Pe' durmì, Carulì',
pe' durmì.
Per dormire, Carolina,
per dormire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia