'O BALCONE 'E NAPULE


(E. Murolo, E. De Curtis - 1934)


 
Villanova1.

E che balcone
pe' chi è giovane e vò' bene.
Tengo 'e faccia 'a Luna chiena,
tengo 'mmócca na canzone.
Dint' 'e bbraccia tengo a te.
 
Villanova1.

E che balcone
per chi è giovane e vuol bene.
Ho di fronte la luna piena,
ho in bocca una canzone.
Tra le braccia ho te.
 
Doppo n'anno luntana.
Ma è nu suonno o si' tu?

Gira, gira e gira 'Ammore.
'Sta vucchella, 'a n'anno sano,
quanta diébbete ca tene,
Carulì'.
 
Dopo un anno lontana.
Ma è un sogno o sei tu?

Gira, gira e gira l'Amore.
Questa bocce, da un anno intero,
quanti debiti che ha,
Carolina.
 
Vocca e vocca, fiato e fiato,
nu vasillo appriesso a n'ato.
Nun te movere accussì.
 
Bocca a bocca, respiro e respiro,
un bacino dietro l'altro.
Non ti muovere così.
 
Villanova.

E, â part' 'o mare,
nu quartino pe' sti core.
Luggetella e gallenare.
Dorme 'a 'gnóra 'int' 'a cuntrora.
Tu daje latte e i' guardo a te.
 
Villanova.

E, affianco al mare,
un appartamentino per questi cuori.
Terrazzino e pollaio.
Dorme la signora nel primo pomeriggio.
Tu dai latte e io ti guardo.
 
Mammarella a vint'anne.
Quanta ciance vuó' fà.

Gira, gira e gira 'Ammore,
sarrà ll'aria ca t' 'o mména,
scritturammo 'na vammana,
Carulì'.
 
Mamma a vent'anni.
Quanti capricci vuoi fare.

Gira, gira e gira l'Amore,
sarà l'aria che te lo butta
scritturiamo una lavatrice,
Carolina.
 
Vocca e vocca, fiato e fiato,
n'ato, n'ato, n'ato e n'ato.
Tutte máscule accussì.

Villanova.
Bocca a bocca, respiro e respiro,
un altro, un altro, un altro e un altro.
Tutti maschi così.

Villanova.


1 Zona di Napoli situata nel quartiere di Posillipo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia