'O BBENE


(E. A. Mario – 1917)


 
E nisciun'ata femmena mme piace
comme mme piace tu, curtese e doce.
E nisciun'ata mme pò fà cchiù spècie
si penzo a te ca mme saje fà felice.
 
E nessun altra donna mi piace
come mi piaci tu, cortese e dolce.
E nessun altra mi può far stupire
se penso a te che mi sai far felice.
 
E' 'o bbene. E' 'o bbene
ca 'e ssimpatie fa addeventà catene.
Stregne duje core forte, e po' 'e mmantene
strignute sempe, pe' n'eternità.
 
E' il bene. E' il bene
che le simpatie fa diventare catene.
Stringe forte due cuori, e poi li mantiene
stretti per sempre, per l'eternità.
 
Fosse 'a cchiù bella femmena d' 'o munno?
Femmene belle quante ce ne stanno?
Fosse 'a cchiù ricca?
'O core nun se vénne.
Sulo a te veco bella e ricca 'nsuonno.
 
Fosse la più bella donna del mondo?
Donne belle quante ce ne sono.
Fosse la più ricca?
Il cuore non si vende.
Solo te vedo bella e ricca in sogno.
 
E' 'o bbene. E' 'o bbene
……………………………
 
E' il bene. E' il bene
………………………
 
Quanno te sento 'o core mio suspira.
Quanno te veco, io dico: "E' primmavera".
Ma si luntana staje, ll'anema è scura.
Po' mme te sonno e st'anema se schiara.
 
Quando ti sento il mio cuore sospira.
Quando ti vedo, io dico: "E' primavera".
Ma se sei lontana, l'anima è scura.
Poi ti sogno e quest'anima si rischiara.
 
E' 'o bbene. E' 'o bbene
……………………………
E' il bene. E' il bene
………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia