'O CCHIU' BELLU NOMME


(Fiore, Lama – 1924)


 
Gente ca mme sentite
e, cierti vvote, appriesso a me cantate,
vi prego, compatite,
vi prego, perdonate,
ca nun è colpa mia
si aggi' 'a cantà pe' forza pe' Maria.
 
Persone che mi sentite
e, certe volte, insieme a me cantate,
vi prego, compatite,
vi prego, perdonata,
perchè non è colpa mia
se devo cantare per forza per Maria.
 
Maria Marì',
vurrìa cagnarte 'o nomme
pe' nun te dì maje comme,
tant'ate t'hanno ditto,
tant'ate t'hanno scritto.
Maria Marì',
tantu bene io voglio a te
ca si tengo a nu nemico,
mm'addeventa amico
si mme parla 'e te.
 
Maria Maria,
vorrei cambiarti nome,
per non dirti mai come,
tanti altri ti hanno detto,
tanti altri ti hanno scritto.
Maria Maria,
voglio così tanto bene a te
che se ho un nemico,
mi diventa amico
se mi parla di te.
 
Cantante e sunature,
scetáte tuttuquante 'e cuncertine
ca 'ncielo, 'e stelle pure
sònano 'e manduline.
Stanotte, pe' Maria,
cántano pure 'e pprete 'e miez'â via.
 
Cantanti e suonatori,
svegliate tutte le orchestrine
che in cielo, anche le stelle
suonano i mandolini.
Stanotte, per Maria,
cantano anche le pietre della strada.
 
Maria Marì',
…………..
 
Maria Maria,
……………
 
No, nun è fantasia.
No, chesta nun è 'a solita canzone,
'sta serenata mia
se chiamma passione.
E i' moro 'e gelusia
ca Napule fa 'ammore cu Maria.
 
No, non è fantasia.
No, questa non è la solita canzone,
questa serenata mia
si chiama passione.
E io muoio di gelosia
perchè Napoli fa l'amore con Maria.
 
Maria Marì',
…………..
Maria Maria,
……………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia