'O GRAN PASCIA'


(B. U. Netti, Lama – 1928)


 
Io tengo na 'nnammurata p'ogne paese
e ognuna fa cose 'e pazze pe' mme spusà.
Ma io faccio stu lassa e piglia na vota ô mese,
'sta vita mm' 'a passo allera, ch'aggi' 'a fà?
 
Io ho una fidanzata in ogni paese
e ognuna fa cose da pazzi per sposarmi.
Ma io lascio e prendo una volta al mese,
questa vita la passo allegra, che devo fare?
 
Senza curarme 'e te,
cu mille femmene attuorno a me.
Nun mme ne 'mporta cchiù
si cu cient'uommene parle tu.
Che fa? Che fa?
Si' bella e t'hê 'a spassà
e quanno 'o vvuó' sapé
'e mmeglie femmene vonno a me.
 
Senza preoccuparmi di te,
con mille donne attorno a me.
Non me ne importa più
se con cento uomini parli tu.
Che importa? Che importa?
Sei bella e ti devi spassare
e quando lo vuoi sapere
le donne migliori vogliono me.
 
Ma chello ch'è bello overo nun t' 'hanno ditto?
'E llire mo tengo e sóngo nu gran pascià.
Da 'America nu parente sa' che mm'ha scritto?
Ca lassa sultanto a me ll'eredità.
 
Ma il bello davvero non te l'hanno detto?
Ora ho i soldi e sono un gran pascià.
Dall'america un parente sai che mi ha scritto?
Che lascia solo a me l'eredità.
 
Senza curarme 'e te,
……………………….
 
Senza preoccuparmi di te,
……………………………..
 
'O mese che trase faccio migliare 'e feste,
mme sposo 'a cchiù bella femmena 'e 'sta città.
Cu tutto ca lieve e miette cappielle e veste,
tu rieste cu 'o desiderio 'e mme spusà.
 
Il mese che arriva faccio migliaia di feste,
mi sposo la donna più bella di questa città.
Anche se tu togli e metti cappelli e vestiti,
resti col desiderio di sposarmi.
 
Senza curarme 'e te,
……………………….
Senza preoccuparmi di te,
……………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia