'O GUARDAMACHINE


(S. Palomba, S. Bruni)


 
A Napoli noi siamo stati sempre specialisti
a inventare mestieri, perché la fatica,
se non ce la inventiamo noi, nun se magna.
Venite avanti, dottó'.

 
A Napoli noi siamo stati sempre specialisti
a inventare mestieri, perché il lavoro,
se non ce lo inventiamo noi, non si mangia.
Venite avanti, dottore.

 
Io esercito il mestiere 'e guardamachine,
la più moderna e nuova professione
ca, manco a dirlo sta sultanto a Napule.
Ll'avimmo fatta nuje chest'invenzione.
E' nu mestiere serio,
no comme crede 'a gente.
S'ha da sapé distinguere,
nun è na cosa 'e niente.
Pecché a guardà ci vuole l'abitudine,
ce vò' ll'applicazione e ll'esperienza,
che a forza 'e mme guardá Capre e Pusilleco,
io sóngo addeventato n'arco 'e scienza.
 
Io esercito il mestiere di guardiano d'auto,
la più moderna e nuova professione
che, manco a dirlo esiste solo a Napoli.
L'abbiamo fatta noi questa invenzione.
E' un mestiere serio,
Non come crede la gente.
Bisogna saper distinguere,
non è una cosa da niente.
Perché a guardare ci vuole abitudine,
ci vuole applicazione ed esperienza,
che a forza di guardare Capri e Posillipo,
sono diventato un pozzo di scienza.
 
Certo ca pe' purtà 'a famiglia annanze
ce vularríano sittanta,
uttanta machine al giorno,
ma 'o vico è stritto e nun c'è che fà.
Allora avevo pensato
di adattare il mio vascio1
a garage, ma nun è stata cosa.
Come dite?
L'autorizzazione del Comune?
Eh, nun 'a tengo. Mi sono fatto autorizzare
da mia moglie e cinque figli.
Cinque figli, dottó'.
Comme?

 
Certo che per portare avanti la famiglia
ci vorrebbero settanta,
ottanta macchine al giorno,
ma il vicolo è stretto e non c'è rimedio.
Allora avevo pensato
di adattare il mio vascio1
a garage, ma non è stato possibile.
Come dite?
L'autorizzazione del Comune?
Eh, non ce l'ho. Mi sono fatto autorizzare
da mia moglie e cinque figli.
Cinque figli, dottore.
Come?

 
Dint'a chesta città addó' tutte abusano,
campanno 'ncopp' 'e spalle 'e tanta gente,
mo va a finire, come dice il vigile,
ca ll'abusivo sóngo io sulamente?
Ma quale abuso e abuso.
Ll'abuso è chillo eterno,
chillo 'e campà annascuso
pure d' 'o Pataterno.
Certo, fosse cchiù giusto a stare in regola,
tené mille licenze e documente.
Ma dimme,
chesto comm' 'o ppuó' pretennere
si tutto, ccà, se fa abusivamente?
 
In questa città dove tutti abusano,
vivendo sulle spalle di tanta gente,
adesso va a finire, come dice il vigile,
che l'abusivo sono io solamente.
Ma quale abuso e abuso.
L'abuso è quello eterno,
quello di vivere nascosto
anche da Dio.
Certo, sarebbe più giusto stare in regola,
avere mille licenze e documenti.
Ma dimmi,
questo come lo puoi pretendere
se tutto, qua, si fa abusivamente?
 
Venite avanti, dottó'.
Ogni tanto si legge sui giornali:
Napule nun ce 'a fa cchiù,
Napoli muore. E se capisce.
Chille 'e guvernante nun fanno niente.
Ma 'sta storia ha da fernì.
Dottó', accussì nun se pò ghí annanze.
Quacche cosa s'ha da fà.
Jammo.

 
Venite avanti, dottore.
Ogni tanto si legge sui giornali:
Napoli non ce la fa più. Napoli muore.
E si capisce.
I governanti non fanno niente.
Ma questa storia deve finire.
Dottore, così non può andare avanti.
Qualche cosa si deve fare!
Andiamo.

 
Diciteme addó' stanno chesti ffabbriche?
Ll'industria nosta? Sta dinto Furcella.
'E bancarelle, 'o contrabbando, 'e diebbete,
e pe' magnà ce abbruciano 'e ccervelle.
Ogne ghiuorno, è n'esercito
ca scenne 'mmiez'â strata
e fa chello che capita
pe' s'abbuscà 'a jurnata.
Io faccio stu mestiere 'e guardamachine
e tengo nu lavoro assicurato.
Manco cu 'e ccannunate
a me mme smòvono.
Ho un posto fisso, mme sóngo piazzato.
 
Ditemi dove stanno queste fabbriche?
La nostra industria? Sta a Forcella.
Le bancarelle, il contrabbando, i debiti,
e per mangiare ci fuma il cervello.
Ogni giorno, è un esercito
che scende in strada
e fa quello che capita
per guadagnarsi da vivere.
Io faccio questo mestiere di guardiano d'auto
ed ho un lavoro sicuro.
Neanche con le cannonate
mi smuovono.
Ho un posto fisso, mi sono sistemato.
 
Mo nun mme credo cchiù
prumesse e chiacchiere.
'A panza nun se jenche cu 'a pacienza.
E, 'mmiez'a tutte chille ca s'arrangiano,
io sóngo addeventato n'arca 'e scienza.
Ora non credo più
a promesse e chiacchiere.
La pancia non si riempie con la pazienza.
E, tra tutti quelli che si arrangiano,
io sono diventato un pozzo di scienza.


1 Il "vascio" (letteralmente, basso) rappresenta l’abitazione delle fasce più povere della popolazione. Solitamente era formato da un locale unico, il cui ingresso dà direttamente sulla strada o, in alcuni casi, su uno stretto marciapiede o uno scalino. Molto spesso il vascio era adibito ad attività commerciale dove la padrona di casa, dall'ingresso o dalla finestra, vendeva un po' di tutto, dal ghiaccio alle sigarette di contrabbando.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia