'O MAFIUSO


(Nisa, Carosone)


 
Tu si' peggio 'e "Rififì"1.
Tu 'ngalera vaje a fernì.
Sott' 'a falda d' 'o cappiello,
t'annascunne st'uocchie belle,
st'uocchie 'nziste comm'a te.
 
Tu sei peggio di "Rififi"1.
Tu in galere devi finire.
Sotto la falda del cappello,
nascondi questi occhi belli,
questi occhi autoritari come te.
 
Statte accorto â pulezia.
Si te pesca 'mmiez'â via,
nun puó' fà cchiù guapparie,
tu, 'ngalera vaje a fernì.
Tu si' peggio 'e "Rififì".
 
Stai attento alla polizia.
Se ti trova in mezzo alla strada,
non puoi più fare il boss,
tu, in galera vai a finire.
Tu sei peggio di "Rififi".
 
'Unne vaje? 'Unne viene?
'O revolvere addó' 'o tiene?
Mafiuso, mafiuso mio?
'Unne viene? 'Unne vaje?
Tu te miette 'mmiez'ê guaje.
Mafiuso, mafiuso mio.
Cammina sott' 'o muro,
nun sgarrà.
Chell'ombra dint' 'o scuro,
chi sarrà?
Nun sparà.
Nun sparà.
Bedda matre, picciuttiello.
Ma pecché te vuó' 'nguajà?
'Unne vaje? 'Unne viene?
'O revolvere addó' 'o tiene?
Mafiuso? Mafiuso. Mafiuso.
 
Dove vai? Da dove vieni?
La pistola dove ce l'hai?
Mafioso, mafioso mio?
Da dove vieni? Dove vai?
Tu ti metti nei guai.
Mafioso, mafioso mio.
Cammina attaccato al muro,
non sbagliare.
Quell'ombra nel buio,
chi sarà?
Non sparare.
Non sparare.
Bella madre, picciotto.
Ma perchè vuoi finire nei guai?
Dove vai? Da dove vieni?
La pistola dove ce l'hai?
Mafioso? Mafioso. Mafioso.
 
Tutt' 'e juorne 'int' 'o cafè,
tutt' 'e nnotte ô tabarè2.
Cu 'o vestito 'e gabardine3,
cu n'addore 'e brillantina
ca se spanne attuorno a te.
 
Tutti i giorni al caffè,
tutte le notti al tabaret2.
Col vestito di gabardine3,
con un profumo di brillantina
che si diffonde intorno a te.
 
Chisto è 'o sisco d' 'a quistura,
picciuttié', miett' 'a sicura.
Si te piglia 'a nervatura,
chi sa comme va a fernì,
cu stu fatto 'e "Rififì".
 
Questo è il fischio della questura,
picciotto, mettiti un freno.
Se ti arrabbi,
chi sa come va a finire.
con questa storia di "Rififi".
 
'Unne vaje? 'Unne viene?
……………………………..
Dove vai? Da dove vieni?
…………………………….


1 Rififi è il titolo di un romanzo francese sulla malavita. 2 Locale in cui c'erano spettacoli musicali e cabaret in cui era anche possibile mangiare e bere ai tavoli. 3 Nome francese di un tessuto in filato pettinato in tinta unita, di un certo peso e mano asciutta. L'origine del nome viene fatta risalire a un mantello di lana in uso in Francia nel Rinascimento o al termine spagnolo usato circa nello stesso periodo per indicare la tuta degli operai

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia