'O MALAMENTE


(Viviani – 1914)


 
E sissignore,
mm'ha fatto piacere
che t'hê truvato a n'atu 'nnammurato.
Ma pe' favore, almeno 'int' 'o quartiere,
nun fà accapì ca mm'hê licenziato,
si no t'aggi' 'a sfriggià,
pe' dignità.
 
E sissignore,
m'ha fatto piacere
che ti sei trovata un altro fidanzato.
Ma per favore, almeno nel quartiere,
non far capire che mi hai licenziato,
se no ti devo sfregiare,
per dignità.
 
Pe me, 'a prigione
è comme fosse nu casino
ca ce vaco a villeggià.
Senza ragione,
na carriera 'a malandrino
nun mm' 'a pòzzo arruvinà
pe' fà 'ammore cu te.
 
Per me, la prigione
è come se fosse un casino
dove vado a villeggiare.
Senza ragione,
una carriera da malandrino
non me la posso rovinare
per stare insieme a te.
 
I', dint'a niente,
mme sceglio n'ata amante.
Tengo a cinquanta femmene 'e riserva.
C'è l'avvenente,
ce sta l'affascinante
e ognuna 'e chesta mme facesse 'a serva,
p' 'o sfizio 'e se vedé vicino a me.
 
E, in poco tempo,
mi scelgo un'altra amante.
Ho cinquanta donne di riserva.
C'è l'avvenente,
c'è l'affascinante
e ognuna di essa mi farebbe da serva,
per lo sfizio di vedersi vicino a me.
 
Sciurillo giallo,
ch'aggi' 'a fà si sóngo bello?
Te ne vaje? Peggio pe' te.
Vutanno 'e spalle,
doppo n'uocchio a zennariello,
vide 'e ffemmene 'e cadé
comm' 'e ccarte 'a jucà.
 
Fiorellino giallo,
che devo fare se sono così bello?
Te ne vai? Peggio per te.
Voltando le spalle,
dopo l'occhiolino,
vedi le donne cadere
come le carte da gioco.
 
Mo, per favore,
mi devi ritornare
'o fazzuletto 'e seta, sta tre lire.
Certo, un signore
non se lo fa ridare,
ma io mm' 'o piglio poi per non sentire:
"Ll'oggette comme va, nun s' 'e ffa dà?"
 
Ora, per favore,
mi devi ridare
il fazzoletto di seta, costa tre lire.
Certo, un signore
non se lo fa ridare,
ma io lo prendo per poi non sentir dire:
"Gli oggetti non se li fa ridare?"
 
Rutto pe' rutto,
damme pure 'e seje ferriette
e 'a butteglia 'e brillanté.
Certo fa brutto,
ma 'e riale ca te dette,
nun t' 'e ppozzo rummané.
Ll'aggi'ancora 'a pavà.
Rotto per rotto,
dammi anche i sei ferretti
e la bottiglia di brillantina.
Certo fa brutto,
ma i regali che ti ho fatto,
non te li posso lasciare.
Li devo ancora pagare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia