'O MARE 'E MARGELLINA


(Califano, Falvo – 1914)


 
Chistu mare 'e Margellina,
chisà 'nfunno che nce tene,
ca si 'o guarde nun te vène,
ca si 'o guarde nun te vène
'o penziero d' 'o lassà.
Nu prufumo d'erba 'e mare,
saglie 'a dint'a chilli scoglie
e te sceta mille voglie.
E, scetato, fa sunnà.
 
Questo mare di Mergellina,
chissà infondo cos'ha,
perchè se lo guardi non ti viene,
perchè se lo guardi non ti viene
il pensiero di lasciarlo.
Un profumo d'erba di mare,
sale da dentro quegli scogli
e sveglia mille voglie.
E, da sveglio, fa sognare.
 
Margellina, Margellina,
calamita 'e marenare.
Si parlasse chistu mare,
quanta cose avrìa 'a cuntà.
Scappatelle 'e 'nnammurate,
gelusie, tradimente,
vase e lacreme cucente,
quanta suonne 'e giuventù.
 
Mergellina, Mergellina,
calamita dei marinai.
Se parlasse questo mare,
quante cose avrebbe da raccontare.
Scappatelle di innamorati,
gelosie, tradimenti,
baci e lacrime,
quanti sogni di gioventù.
 
Quanno 'a luna 'mmiez'ô mare,
se fa 'o ppoco 'e sentimento
e d'ammore parla 'o viento,
e d'ammore parla 'o viento,
'e ccanzone fa sentì.
E cu 'o ffuoco a poppa 'e vuzzo1,
vanno a purpe 'e marenare.
Nc'è na festa pe' stu mare,
ca nu quatro se pò fà.
 
Quando la luna in mezzo al mare,
si fa un po' di sentimento,
e d'amore parla il vento,
e d'amore parla il vento,
le canzoni fa sentire.
E col fuoco a poppa di gozzo1,
vanno a polipi i marinai.
C'è una festa in questo mare,
che un quadro si potrebbe fare.
 
Margellina, Margellina,
………………………..
Mergellina, Mergellina,
…………………………


1 Il gozzo (in dialetto vuzzo) è una piccola imbarcazione a remi usata nella pesca locale dal XVII secolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia