'O MARENARIELLO


(Ottaviano, Gambardella – 1893)


 
Oje né', fa' priesto, viene,
nun mme fà spantecà,
ca pure 'a rezza vène
ch'a mare stó' a menà.
 
Oh bimba, presto, vieni,
non farmi soffrire,
che anche la rete viene
che a mare sto buttando.
 
Méh, stienne sti bbraccelle,
ajutame a tirà,
ca stu marenariello
te vò' sempe abbraccià.
 
Dai, stendi queste braccia,
aiutami a tirare,
che questo marinaretto
ti vuol sempre abbracciare.
 
Vicin'ô mare,
facimmo 'ammore,
a core a core,
pe' nce spassà.
 
Vicino al mare,
facciamo l'amore,
cuore a cuore,
per divertirci.
 
Só' marenaro
e tiro 'a rezza,
ma, p' 'allerezza,
stóngo a murì.
 
Sono marinaio
e tiro la rete,
ma, per l'allegria,
sto morendo.
 
Vide ca sbatte ll'onna
comm'a stu core ccà,
de lacreme te 'nfonne
ca 'o faje annammurà.
 
Vedi che sbatte l'onda,
come questo cuore,
di lacrime ti bagna
perchè lo fai innamorare.
 
Viene, 'nterr'a 'sta rena
nce avimm' 'a recrijà,
che scenne la serena,
io po' stóngo a cantà.
 
Vieni, su questa spiaggia
ci dobbiamo divertire,
che scende la sirena,
io poi mi metto a cantare.
 
Vicin'ô mare,
……………..
 
Vicino al mare,
………………..
 
Oje né', io tiro 'a rezza
e tu statte a guardà
li pisce, p' 'a prijezza,
comme stanno a zumpà.
 
Oh bimba, io tiro la rete
e tu stai a guardare
i pesci, per la gioia,
come saltano.
 
E vide, pure 'e stelle
tu faje annammurà,
ca stu marenariello
tu faje suspirà.
 
E guarda, anche le stelle
fai innamorare,
perchè questo marinaretto
tu fai sospirare.
 
Vicin'ô mare,
……………..
Vicino al mare,
………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia