'O MEGLIO AMICO


(Bovio, Albano – 1928)


 
Ll'amico mio si' tu. Comme te pare?
'O tengo n'ato amico meglio 'e te?
'O stesso banco â primma elementare,
nce vulevamo bene comm'a che.
Tu sempe 'nzisto, io sempe cchiù abbunato,
mme suppurtavo 'a te cchiù 'e na pazzìa.
Nun te ricuorde? Mme chiammave frato
ma t'arrubbave 'a marennèlla mia.
 
Il mio amico sei tu. Come ti sembra?
Ce l'ho un altro amico migliore di te?
Lo stesso banco in prima elementare,
ci volevamo bene come non so che.
Tu sempre autoritario, io sempre più tranquillo,
ti sopportavo più di una pazzia.
Non ti ricordi? Mi chiamavi fratello
ma rubavi la merendina mia.
 
Che fa?
Che fa?
Só' cose ca succedono.
Cu chi t' 'a vuó' piglià?
Dámmoce 'a mano,
'o bbì' ca só' semp'io
e tu si' sempe 'o meglio amico mio.
 
Che importa?
Che importa?
Sono cose che succedono.
Con chi te la vuoi prendere?
Diamoci la mano,
lo vedi che sono sempre io
e tu sei sempre il migliore amico mio.
 
'A zia nun te vuleva dint' 'a casa,
ma i' cumbattevo pe' te fà venì.
"Oje ninno mio, chillo t'abbraccia e vasa,
ma tene ll'uocchie 'e chi te vò' tradì".
Quanno, cinch'anne fa, stive malato,
vicin'ô lietto tujo stevo sul'io,
ma, dint' 'a freve, miezo frasturnato,
te stupetiaste 'o portafoglio mio.
 
La zia non ti voleva in casa,
ma io litigavo per farti venire.
"Oh bimbo mio, quello ti abbraccia e ti bacia,
ma ha gli occhi di chi ti vuol tradire".
Quando, cinque anni fa, eri malato,
vicino al tuo letto c'ero solo io,
ma, con la febbre, mezzo frastornato,
hai rubato il portafoglio mio.
 
Che fa?
……….
 
Che importa?
………………
 
Ll'amico mio si' tu, guàrdame 'nfaccia.
Guárdame buono 'nfaccia e nun tremmà.
Ancora mme vuó' stregnere 'int' 'e bbraccia?
Tiene ancora 'o curaggio 'e mme vasà?
Vattenne marijuolo. 'O ppuorte scritto
dint'a chist'uocchie ca si' scellarato.
I', pe' vint'anne, mme só' stato zitto,
i', pe' vint'anne, t'aggio perdunato.
 
Il mio amico sei tu, guardami in faccia.
Guardami bene in faccia e non tremare,
Ancora mi vuoi stringere tra le braccia?
Hai ancora il coraggio di baciarmi?
Vattene ladro. Ce l'hai scritto
in questi occhi che sei matto.
Io, per vent'anni, sono stato zitto,
io, per vent'anni, ti ho perdonato.
 
Che fa?
Che fa?
'Stavota t'aggio cuóveto
e nun mme puó' arrubbà.
Primma te stenno 'nterra 'mmiez'â via
e po' t'arruobbe 'a 'nnammurata mia.
Che importa?
Che importa?
Stavolta ti ho beccato
e non mi puoi derubare.
Prima ti butto per terra in mezzo alla strada
e poi ruberai la mia fidanzata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia