'O MESE D' 'E RROSE


(Manlio, Bonavolontà – 1938)


 
Nénne belle 'e stu bellu paese
cantate, cantate, felice cu'mmé.
Primmavera ve porta p' 'e ccase
na smania 'e calore, va' trova ched è?
Só' sti rrose ca maggio ha purtato pe'tté.
Rose 'e maggio, e che bellu buchè.
 
Ragazze belle di questo paese
cantate, cantate, felici con me.
Primavera vi porta per le case
una voglia di calore, vai a sapere cos'è?
Sono queste rose che maggio ha portato per te.
Rose di maggio, e che bel bouquet.
 
Chist'è 'o mese d' 'e rrose,
chist'è 'o mese 'e ll'ammore,
se fa ll'aria addirosa
e nénna scuntrosa,
scuntrosa nun è.
Chist'è 'o mese d' 'e vase,
vase ardente e azzeccuse.
Si dimane mme sposo,
mm' 'a piglio cu 'e rrose,
cu maggio e cu'tté.
 
Questo è il mese delle rose,
questo è il mese dell'amore,
l'aria diventa profumata
e la ragazza scontrosa
scontrosa non è.
Questo è il mese dei baci,
baci ardenti e appiccicosi.
Se domani mi sposo,
me la prendo con le rose,
con maggio e con te.
 
Mm'aggio fatto na casa ô paese,
nu nido annascuso cu 'o bellovedé.
E' na casa ca sta 'nparaviso,
nu regno 'ncampagna ch'è degno 'e nu rre.
Nove mise ce vonno pe' fá nu bebé,
ma cu st'aria, n'abbastano tre.
 
Mi sono costruito una casa al paese
un nido nascosto col belvedere.
E' una casa che sta in paradiso,
un regno in campagna che è degno di un re.
Nove mesi ci vogliono per fare un bebè,
ma con quest'aria, ne bastano tre.
 
Chist'è 'o mese d' 'e rrose,
……………………………….
Questo è il mese delle rose,
………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia