'O MUNASTERIO


(Di Giocamo, Costa – 1887)


 
Jettaje stu core mio 'mmiez'a la strata
e 'ncopp'a na muntagna mme ne jette
e, pe' na passiona disperata,
monaco 'e San Francisco mme facette.
 
Buttai questo cuore in mezzo alla strada
e sulla montagna me ne andai
e, per una passione disperata,
monaco si San Francesco mi feci.
 
"Tuppe tuppe" Chi è? "Ccá ce stess'uno
ca ll'è caduto 'o core 'mmiez'â via?"
Bella figlió', ccà nun ce sta nisciuno
va', jatevenne cu Giesù e Maria.
 
"Toc toc" Chi è? "Qua non c'è nessuno
a cui è caduto il cuore per la strada?"
Bella figliola, qui non c'è nessuno
va, andatevene con Gesù e Maria.
 
Se ne jette cantanno: "Ammore, ammore,
cchiù nun te vò' zi' monaco vicino.
E p' 'a muntagna se purtaje stu core,
arravugliato dint' 'o mantesino.
Se ne andò cantando: "Amore, amore,
non ti vuole più il monaco vicino.
E per la montagna si portò questo cuore,
avvolto nel grembiulino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia