'O PRINCIPE INDIANO


(Emilio, Barile – 1952)


 
E' arrivato nu principe indiano,
va cercanno a na bella guagliona.
vò' na sposa, già è pronta 'a curona
pe' 'sta figlia 'e 'sta rara città.
E pe' Napule, sera e matina,
isso, a pède, s'è miso a girà,
quanno ha visto p' 'a strada a Nannina:
"Chesta" ha ditto "'a riggina sarrà".
 
E' arrivato un principe indiano,
cerca una bella ragazza.
Vuole una sposa, è già pronta la corona
per questa figlia di questa rara città.
E per Napoli, sera e mattina,
lui, per Napoli, si è messo a girare,
quando ha visto per strada Annina:
"Questa" ha detto "la regina sarà".
 
Ma però,
Nannina nun 'o vò'.
Ma però,
Nannina nun 'o vò'.
 
Ma però,
Annina non lo vuole.
Ma però,
Annina non lo vuole.
 
E a stu princepe essa ha ditto:
"Ve ringrazio dell'onore,
voglio bene a Salvatore,
nun 'o cagno cu nu rre.
Io sóngo nata a Napule
ch'è 'a perla d' 'e ccittà.
Pe' me nun ce sta princepe
capace 'e mme 'ncantà".
 
E a questo principe ha detto:
"Vi ringrazio dell'onore,
voglio bene a Salvatore,
non lo cambio con un re.
Io sono nata a Napoli
che è la perla delle città.
Per me non c'è principe
capace di incantarmi".
 
"Tène 'a reggia ch'è d'oro e brillante,
chistu princepe", diceno 'e ggente.
E 'a cchiù bella cullana d'Uriente,
già 'sta nénna s'è visto 'e purtà.
Ma cu ll'aria 'e na vera riggina,
ca cchiù niente pò farla abbaglià:
"Ve ringrazio" ha risposto Nannina
"chistu dono nun pòzzo accettà".
 
"Ha la reggia che è doro e brillanti,
questo principe", dice la gente.
E la più bella collana d'Oriente,
già questa ragazza si è vista portare.
Ma con l'aria di una vera regina,
che più niente può parla abbagliare:
"Vi ringrazio" ha risposto Annina
"questo dono non posso accettare".
 
Ma però,
Nannina nun 'o vò'.
Ma però,
Nannina nun 'o vò'.
 
Ma però,
Annina non lo vuole.
Ma però,
Annina non lo vuole.
 
Mo, stu princepe straniero,
se ne torna â parte 'e fore
e ha capito ca ll'ammore
nun se vénne a 'sta città.
Pecché 'a figliola 'e Napule,
nun è pe' ce vantà,
è 'a cchiù sincera fémmena
ca 'ncopp' 'o munno sta.
Ora, questo principe straniero,
se ne torna di fuori
e ha capito che l'amore
non si vende a questa città.
Perchè la ragazza di Napoli,
non è per vantarci,
è la donna più sincera
che c'è al mondo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia