'O RITRATTO 'E NANNINELLA


(Scarfò, Vian – 1955)


 
Caro pittore,
'mméscale cu 'o penniello sti culure,
pròvate a fà nu quadro di valore.
Píttace na matassa 'e seta nera,
píttace doje curvine, scure scure,
na fravula zucosa
e na schiuppata 'e rose, rose thè.
 
Caro pittore,
mischiali col pennello questi colori,
provate a fare un quadro di valore.
Dipingici una matassa di seta nera,
dipingici due corvi, scuri scuri,
una fragola succosa
e dello rose fiorite, rose tea.
 
Chist'è 'o ritratto,
'o ritratto 'e Nanninella.
Suspire e vase ardente,
prumesse e giuramente,
bellezze e vanità.
Chistu ritratto
io ce 'o manno a Nanninella.
Che fa si mm'ha lassato?
Si 'ammore, mo, è fernuto?
Chistu ritratto
nce ll'aggi' 'a mannà.
 
Questo è il ritratto,
il ritratto di Annina.
Sospiri e baci ardenti,
promesse e giuramenti,
bellezze e vanità.
Questo ritratto
io lo mando ad Annina.
Che importa se mi ha lasciato?
Se l'amore, ora, è finito?
Questo ritratto
glie lo devo mandare.
 
Caro pittore,
'mméscale cu 'o penniello sti culore,
pròvate a fà nu quadro di valore.
Píttace na tempesta 'mmiez'ô mare,
píttace, atturcigliata a ciento core,
na vipera maligna,
cu ll'uocchie 'e fuoco, pronta a muzzecà.
 
Caro pittore,
mischiali col pennello questi colori,
provate a fare un quadro di valore.
Dipingici una tempesta in mezzo al mare,
dipingici, attorcigliata a cento cuori,
una vipera maligna,
con gli occhi di fuoco, pronta a mordere.
 
Chist'è 'o ritratto,
……………………
 
Questo è il ritratto,
……………………..
 
Chistu ritratto
io ce 'o manno a Nanninella.
Giacché dimane sposa,
lle voglio fà 'a surpresa,
chist'è 'o regalo 'e nozze
ch'aggi' 'a fà.
Questo ritratto
io lo mando ad Annina.
Visto che domani si sposa,
le voglio fare una sorpresa,
questo è il regalo di nozze
che devo fare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia