'O SILENZIO A BUORDO


(Scala, Campolongo – 1905)


 
Songo 'e nnove, dint' 'a branda,
cammenanno 'mmiez'ô mare,
mo, nemmanco 'o marenaro,
n'ora 'e pace pò truvà.
 
Sono le nove, sulla branda,
camminando in mezzo al mare,
ora, neanche un marinaio,
un'ora di pace può trovare.
 
Truvà pace? E' na parola,
'o penziero va luntano
mentre 'a tromba, chianu chiano,
'o silenzio va a sunà.
 
Trovare pace? E' una parola,
il pensiero va lontano
mentre la tromba, piano piano,
il silenzio comincia a suonare.
 
Dice 'o signale:
"Si tu mo te lagne
che nce guadagne?
Vide 'e durmì.
Duorme, duorme, siente a me
ca mo Rusina nun penza cchiù a te".
 
Dice il segnale:
"Se ora ti lagni
che cosa ci guadagni?
Cerca di dormire.
Dormi dormi, ascoltami
perchè ora Rosina non pensa più a te".
 
Nun mme penza? E comm' 'o ccredo?
Mme vò' bene e tengo 'a prova,
ca nun n'aggio cchiù na nova.
Sta malata? Che sarrá?
Si sapesse chisti strazie
ca squartá mme fanno 'o core,
screvarrìa, cu tant'ammore só'
partuto, comme va?
 
Non mi pensa? E come ci credo?
Mi vuole bene e ho la prova,
perchè non ho più notizie.
E' malata? Che sarà?
Se sapesse di questi strazi
che mi fanno squartare il cuore,
scriverebbe, con tanto amore sono
partito, come va?
 
Dice 'o signale:
………………..
 
Dice il segnale:
………………..
 
Sti penziere só' turmiente,
accussì passo 'a nuttata.
Nun conchiudo 'int'a jurnata,
penzo justo a faticà.
Spisso dico: turnarraggio.
Veco 'o sango 'mmiez'â via,
ma po' penzo a mamma mia
e mm' 'a faccio a lacremà.
 
Questi pensieri sono tormenti,
così passo la nottata.
Non concludo in giornata,
penso giusto a lavorare.
Spesso dico: tornerò.
Vedo il sangue sulla strada,
ma poi penso a mia madre
e comincio a piangere.
 
Dice 'o signale:
………………..
Dice il segnale:
………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia